Quanti di voi al mattino, alla radio, in tv o sulle svariate app disponibili sul web, controllano l’oroscopo?

Tra scetticismi, coincidenze e piena fiducia, le stelle e pianeti hanno sempre ispirato un senso di curiosità e meraviglia.
Molte culture guardano verso il cielo per vedere il volto di un ente superiore, divino!
Ciò che è possibile affermare è che esiste una danza cosmica universale e una intima, che appartiene a ognuno di noi. L’astrologia è uno strumento incredibile per scoprire noi stessi, non importa quanta veridicità gli si attribuisca.

Se la vita sembra una serie di eventi privi di significato, l’astrologia può essere un segno confortante che, forse, le cose accadono per una ragione.

Dare un colpo d’occhio al nostro oroscopo, è già un inizio per provare a comprendere ciò che il destino ci riserva. Ma per avere una panoramica quanto più personale e precisa, è importante conoscere il nostro tema astrale.

Ma cos’è? Il tema astrale definisce il cielo nel particolare momento della nostra nascita, calcolando la data, l’ora e il luogo di nascita. Esso permette di delineare il carattere di una persona, le sue attitudini, i pregi, i difetti, le persone, affini e non, che un individuo può incontrare nel corso della vita.

Nell’astrologia hanno un forte potere anche i pianeti, le loro inclinazioni orbitali soprattutto. Il più intrigante? Plutone, infatti, possiede l’orbitra più eccentrica per questa ragione, il pianeta rappresenta la forza misteriosa nascosta nell’individuo. Un soggetto segnato da un forte Plutone possiede uno sguardo magnetico, e tutta la sua persona emana un’energia coinvolgente. Caratteristiche che troviamo nei nati in Bilancia e negli Ariete.

Dalla natura estremista, può mostrare un atteggiamento ambivalente: da una parte si ha un carattere giudicante inflessibile, da giustiziere, che porta l’individuo sulla via della distruzione, dall’altra, opera una metamorfosi verso un’evoluzione morale e spirituale

Il nativo sotto Plutone non ha mezze misure, possiede una natura inflessibile, dotata di fermezza ed assetata di giustizia, un’intelligenza penetrante che sa gestire le situazioni più complicate e aprire porte inviolate. Il plutoniano è attratto da tutto ciò che è misterioso, strano, difficile, provo-catorio; è amante della solitudine nella quale crea il suo mondo che occulta gelosamente.
In negativo, emerge un’influenza tentatrice di potenza e di manipolazione sugli individui e, se le circostanze sono favorevoli, sulla massa. Il soggetto diventa così schiavo di questa forza pericolosa che finisce per travolgerlo, spingendolo in un baratro senza possibilità di ritorno.

Poiché Plutone è anche il simbolo del sesso, ne consegue che il plutoniano è un soggetto fortemente erotico, ma è soprattutto per il suo carattere geloso ed estremista che rimane coinvolto in veri drammi passionali

L’elemento che caratterizza Plutone, non poteva che essere il plutonio. Il colore delle pietre in sintonia con Plutone è il rosso scuro, il nero ma anche tutte le tonalità scure.

I minerali e le pietre principali? Il granato piropo, il granato amaldino, il diaspro rosso, il rubino, lo spinello, l’ossidiana, l’ematite, la tormalina nera.

Via : Sentieri di Luce

Categorie: Curiosità Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: