Il fascino della sovrana russa Caterina la Grande, delle sale del suo palazzo a San Pietroburgo, i fasti e lo charme del XVIII secolo, hanno ispirato la preziosa “Catherine’s Palace”, la penna di Graf von Faber-Castell che ha vinto il titolo di Penna dell’Anno 2014.

Il palazzo di Caterina, costruito da Caterina I nel 1718 nei pressi di San Pietroburgo come sua residenza estiva, è stato ampliato e impreziosito negli anni con ricche decorazioni fino a diventare, intorno alla metà del secolo, la residenza favorita di Caterina la Grande.

Considerato uno dei palazzi barocchi più belli d’Europa ospita la celebre Stanza d’Ambra riconosciuta come “ottava meraviglia del mondo”.
Penna dell’Anno 2014 - GRAF VON FABER-CASTELL
A Caterina la Grande si devono invece le straordinarie Sale d’Agata a cui si ispirano gli ultimi nati di casa Graf von Faber-Castell. Sale in cui l’architetto scozzese Charles Cameron ha coniugato l’amore per gli antichi Greci e Romani con il mondo dei minerali.

La troviamo versione stilografica ( 3200 euro) oppure Penna roller (2,900 euro) questo spettacolare oggetto del desiderio è stato realizzato in due versioni super lusso, in platino e con doratura a 24 carati.

La penna stilografica a stantuffo ha incastonate, nel suo fusto platinato, tre grandi pietre di diaspro bruno-rossastro che richiamano lo spirito delle sontuose camere, mentre il disegno a catenella del fusto ricorda lo stile delle sale d’agata.
La luce delle venature delle pietre preziose è data da diversi processi di lucidatura, che la rendono unica e così particolare.
Il cappuccio ha il pennino in oro 18 carati, bicolore e inciso a mano, quest’ultimo ha diverse larghezze di tratto: M,F,B e BB.

La penna in platino oltre che nella versione stilografica, che conta 1.000 esemplari, è disponibile anche come roller di cui sono stati realizzati soli 300 pezzi.

Penna dell’Anno 2014 - GRAF VON FABER-CASTELL La lussuosa edizione speciale con doratura a 24 carati ha il fusto decorato da sei splendide pietre di diaspro, ciascuna delle quali incorniciate da rosette in oro 24 carati lavorate e incastonate a mano.

Il cappuccio e il terminale della penna sono coronate da due pietre sfaccettate di quarzo russo giallo.

La penna stilografica ha il pennino d’oro bicolore a 18 carati, inciso a mano e con larghezza di tratto M.

La versione stilografica è disponibile in 150 esemplari, la roller solo in 30.
(Stilografica, euro 7.000;  Penna roller, euro 6.700)

Categorie: Accessori Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: