sabato , 23 agosto 2014
Home / Bellezza / Benessere donna / Dieta a residuo zero? Ecco come fare

Dieta a residuo zero? Ecco come fare

Dieta a residuo zero? Ecco come ritrovarsi partendo da un campo di grano.
La magia della natura

Dieta a residuo zero? Ecco come.
E’ il regime alimentare che spazza via germi e tossine, in alleanza con gli enzimi.

Si tratta di un regime alimentare caratterizzato da un basso introito giornaliero di fibre vegetali, specie insolubili. Non sono infatti concessi gli alimenti con un alto contenuto di queste sostanze. Ad esempio: cereali integrali, ortaggi come i carciofi, i cavoli, le cime di rapa e praticamente tutti i legumi.

La magia della natura

Ma quando fare questo tipo di dieta così particolare?
Naturalmente non è una dieta che si può fare sempre, ma solo in alcune situazione, come quando si è in presenza  di infezioni o infiammazioni all’apparato digerente, tipo diverticolite acuta ed enterocolite, oppure dopo una diarrea prolungata. Oppure quando si ha bisogno di ripulire il nostro fisico dopo una malattia.

Seguire questo tipo di dieta può però, creare degli inconvenienti. Infatti la scarsità delle fibre all’interno degli alimenti ingeriti, può favorire un’eccessiva crescita della Candida nell’intestino.
Questo però, non succede se interviene un super enzima capace di distruggere letteralmente la parete delle cellule di Candida: il betaglacanesi.

Per rendere questa dieta più efficace e aumentare il potere di pulizia di germi e tossine, si consiglia un supplemento nutrizionale a base di enzimi come Cellulasi, Emicellulasi, Betaglucanasi e Fitasi. Questo regime alimentari funziona meglio in sinergia con tutta la forza degli enzimi che spazzano via scorie fibrose, germi e tossine.

Alimenti da evitare con la dieta a basso residuo:
fiocchi d’avena, pane, pasta, legumi, piselli, cicoria, carciofi, arachidi, prugne secche e castagne.

Di Raffaella Ponzo

ci sono 4 foto correlate all'articolo, vai alla gallery completa

29.03.2014
Scroll To Top