Il suo fashion store è una grande scatola di design. Lo spazio in cui Jacopo Canclini dà vita alla sua passione, la moda, è un contenitore bordeaux, quello tipico per la camicia, il must della sua collezione, quella collezione che, da vent’anni, ha un nome: J&S.

Nato in una famiglia di vitale importanza per l’economia lariana che, con il suo distretto tessile, ha fatto la storia dell’industria comasca, da vent’anni Jacopo Canclini ha rinunciato a tutto ciò per approdare al mercato del fashion, con una collezione che parla da sé sprigionando gusto, eleganza, innovazione e soprattutto creatività, sempre discreta, mai esasperata.

Jacopo Canclini - Una camicia è?

Per Jacopo Canclini  la vita è una questione di dettagli. Le collezioni sono stile e l’arte di sapere abbinare gli accessori all’abito sono una componente fondamentale nella personalità dello stilista.

Da dove nasce questa idea?
“Dalla voglia di interpretare il quotidiano attraverso le cose belle, lo stile, l’artigianalità e l’unicità di ogni proposta. Dietro ad ogni collezione propongo una storia, una di quelle che va a raccontare il prodotto.”

Una camicia è?
“Divertente per certi accostamenti, rigorosa sotto il tailleur.”

Quali sono i punti di forza delle sue collezioni?
“Volumi ben definiti, tessuti naturali e modelli inappuntabili, questi i must della primavera estate. E poi ancora uno sguardo alla comodità del capo: collezioni sportive, si scambiano con quelle sartoriali e vengono poi declinate nelle nuance e nelle stampe più glam e nei tessuti che più richiamano l’estate, il sole e il caldo. Non solo un total white, ma una collezione intrigante che spazia dalla romantica linea tutta fronzoli, pizzi, sangallo e rouge, per una donna iper femminile; fino a quella classica sartoriale con le sue sinuosità e i tagli più rigorosi. Proposte chic che rispecchiano l’eleganza di ogni look, con quell’appeal che rende ogni capo personale. Un gioco di colori, modelli e tessuti per non lasciare nessuno senza quel plus che ha fatto e continua a fare la storia della moda per lui e, sempre più, per lei.

Jacopo Canclini - Una camicia è?

Le sue collezioni sono…
“Unioni di stile.”

Un’unione di stile che non si è fermato alla camicia, ma che, nel corso degli anni, ha portato alla creazione di un totale look. Una collezione per lui e per lei che fa moda, ma che non subisce le tendenze.

Qual è il vostro punto di forza?
“Essere riusciti a puntare su un total look di qualità con un imprinting molto femminile che si avvicina sempre più all’eleganza senza farsi condizionare dagli stili. Anche per l’uomo abbiamo diversificato le proposte: slim, sottogiacca, cinque colli e poi il tailor made, per citarne alcune. Le tendenze per la J&S sono un approccio, poi il resto si sviluppa tenendo conto delle esigenze reali. La qualità del tessuto è il vero DNA dell’azienda, puntiamo su ricerca, qualità e professionalità. I prodotti partono poi da una selezione rigorosa del filo di cotone che diventa poi un tessuto di facile manutenzione e molto bello da indossare e tutto ciò è in grado di fare la differenza sul prodotto finito.”

Avanguardisti della moda, i Canclini vantano un altro primato: quello di avere considerato le rimanenze di magazzino come prodotti interessanti per il mercato. A Simone e Jacopo Canclini infatti nel ’91 la paternità dello spaccio, quello spaccio aziendale  che proponeva le collezioni precedenti, quelle ormai fuori mercato. Cosa mi racconta?

“Fu un vero business. Eravamo in un locale immenso con scatole di pvc ingombranti dalle quali uscivano le rimanenze. Noi siamo partiti da lì, ma abbiamo introdotto subito il plus a cui nessuno aveva pensato: la classica e intramontabile camicia bianca e azzurra. La moda quindi a prezzi accessibili, ma con pezzi sempre di tendenza.”

Categorie: Trade News Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: