Con il caldo ecco arrivare i primi problemucci, uno di questi riguarda le gambe e per l’esattezza le caviglie.
Il gonfiore alle caviglie è un problema molto comune, specie tra le persone che stanno in piedi tutto il giorno o rimangono a lungo in posizione seduta. Se le masse muscolari poltriscono, il sangue fatica a ritornare al cuore, soprattutto quando la gravità non gioca a suo favore. La conseguente stasi ematica aumenta la pressione venosa, che è massima a livello delle caviglie sulle quali pesa l’intera colonna di sangue.

Il rialzo pressorio favorisce il passaggio di liquidi plasmatici che, quando non vengono adeguatamente drenati dal sistema linfatico, si accumulano nei tessuti dando al gonfiore.

Il caldo dell’estate naturalmente contribuisce ad aumentare il problema, perché dilata il calibro dei vasi. Ma visto che in questo periodo le gambe sono al centro dell’attenzione, con minigonne pantaloncini e sandaletti, cerchiamo un modo per eliminare il problema ed essere più sane e naturalmente, più belle.
MOVIMENTO
Se siete costrette a stare in piedi tutto il giorno, oppure sedute, cercate di alzarvi o muovervi ogni tanto, magari sollevando di tanto in tanto il tallone. Il movimento dei muscoli propri degli arti inferiori è infatti capace di stimolare la circolazione, generando un “effetto pompa” dato dall’alternarsi di contrazioni e rilassamenti.

SPORT
Naturalmente l’ideale sarebbe ritagliarsi un appuntamento quotidiano con una camminata a passo svelto, oppure con una nuotata o una passeggiata in bicicletta; mezz’ora al giorno per 4-5 giorni alla settimana risulta sufficiente per migliorare sensibilmente la circolazione periferica. Al termine dell’attività fisica e la sera prima di andare a dormire, consigliamo di stare almeno dieci minuti sdraiati con le gambe sollevate da terra e poggiate da qualche parte.

ABBIGLIAMENTO
Durante la stagione calda, cercate di limitare il più possibile i tacchi a spillo. Meglio le zeppe, sono anche più belle e fresche in estate!

ERBE e FRUTTA
Particolare rilievo hanno alcune erbe, utili nel trattamento delle caviglie gonfie perché dotate di azione antiossidante, costrittrice sui vasi sanguigni ed antinfiammatoria. Tra queste ricordiamo il rusco o pungitopo, la centella asiatica, l’ippocastano, l’amamelide, il ginkgo biloba, il mirtillo nero, il ribes e la vite rossa.
Molte di queste erbe, oltre ad essere ingrediente attivo nei prodotti cosmetici dedicati a gambe stanche e caviglie gonfie, sono anche disponibili come estratti standardizzati da assumersi per bocca. Ma anche i prodotti di uso comune possono venirci in soccorso, come una bella  tazza di frutti di bosco, un kiwi, un pompelmo rosa, oppure una spremuta di agrumi. Tonificando la pareti dei capillari le caviglie saranno meno gonfie e più seducenti.
Di Raffaella Ponzo

Categorie: Benessere donna Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: