Corneliani apre le sfilate di Milano Moda Uomo e svela la sua primavera estate 2015 in una location unica e spettacolare, la Rotonda della Besana di Milano.

E’ Raphael Gualazzi ad esibirsi durante il Fashion Show del  brand che lo ha vestito anche durante l’ultimo Festival di Sanremo.
Un performance coinvolgente, all’insegna della sperimentazione, con il suo sound che fonde straight piano, jazz, funky e r&b.

Sfila un uomo elegante, che predilige i colori chiari ma non dimentica gli scuri, soprattutto nei completi.
Una palette estiva, che include anche tutte le sfumature di marrone.
La sobrietà del gentleman caratterizza la linea maschile classica della maison.

Sulla scena tutte le sfumature del bianco, dal ghiaccio al panna, dal perla al mastice, fino alla delicatezza di azzurri polverosi e verdi salvia, per passare poi direttamente al nero. Intramontabile punto fermo e unica concessione scura.
La moda maschile prende distanza dai suoi schemi più rigidi, nel segno di una nuova eleganza fresca e rilassata, ispirata al guardaroba dei giovani ma arricchito da materiali preziosi e dettagli ricercati.

Dalla t-shirt alla maglia, dalla camicia al completo,  l’uomo Corneliani detto lo stile Casual-chic moderno con grazia.
Alta sartorialità, materiali pregiati, accostamenti unici, che regalano un outfit completo e glamour.

Non osa fantasia estreme, non eccede nei tagli destrutturati, anzi, al contrario, sposa l’eleganza casual che da sempre contraddistingue il dna della Maison.

L’imperativo è una taglia in più, per uno streetwear disinvolto, complice di una personalità libera che si esprime per le vie di un mondo dove i ritmi incalzano e reagiscono a un presente incerto, ma anche esposto a imprevedibili opportunità.
La costruzione della giacca non costringe e senza venir meno al dogma sartoriale, storico caposaldo dell’eleganza, tanto caro a Corneliani, lo ritratta, ricalcando le necessità di un uomo ormai distante dall’autocontemplazione statica di un tempo.

È un’eleganza comoda e trasversale, adatta a più occasioni e a più fasce d’età, per categorie di uomini affrancati da una mascolinità autoritaria, sempre meno attuale.
Sergio Corneliani, direttore creativo del brand, vede nell’abito la vera sfida: studiato su volumi inediti, materiali innovativi e nuovi utilizzi, perde così il suo inprinting rigoroso e si concede a un’immagine informale e democratica, in equilibrio tra un gusto velatamente bohemien e uno sportswear chic.
Scompaiono le antiche fantasie sartoriali a favore di ricchi cotoni compatti ed elasticizzati, mischiati alla seta per microeffetti jacquard.
La giacca corta, tre bottoni con rever stretti, si allarga in vita, per un pantalone gusto buggy, con pinces e drappeggiato sulla scarpa, o senza pinces, comodo al bacino ma rigorosamente corto e con risvolto.
Anche la camicia classica si stravolge per farsi ampia e dalle spalle scese, con il collo a cratere.
Per la primavera-estate 2015 il must have è la T-shirt in morbida pelle o in un leggerissimo cashmere stampato con grafismi monocromatici.
Simbolo della nuova estetica firmata Corneliani la camicia giubbotto dalla linea quadrata, bloccata appena sopra il bacino.
Parka con cappuccio e trench in cotone performato con tecnologiche membrane traspiranti, antiacqua e antivento, tra i capi più sportivi.

Amato in Italia e nel mondo per la sua classe ed il suo stile, Corneliani ci anticipa che l’uomo moderno nella prossima estate non dimenticherà mai la classe e l’eleganza, in nessuna circostanza od occasione.

A Milano sfila la PE 2015 di Corneliani

Foto via Camera Moda

Categorie: Moda Uomo Tag: , , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: