Dalla moda all’arte il passo può essere breve, specialmente se c’è di mezzo Vuitton. La maison francese non è nuova a commistioni tra arte e fashion, ma questa volta è pronta a mettersi in gioco in prima persona e crea una sede/museo aperta al pubblico, all’avanguardia sia per i contenuti che per la forma.

La Fondazione Louis Vuitton aprirà il 26 ottobre le porte del suo museo nell’affascinante cornice del Bois de Boulogne, nella periferia più chic di Parigi; oltre 10mila metri quadrati di esposizione per un edificio che già di per sé è un’opera d’arte: una sorta di leggera nuvola adagiata nel verde brillante del parco più grande e frequentato di Parigi, realizzata dall’architetto ‘superstar’ Frank Gerhry.

Obiettivo dell’iniziativa è quello di sostenere, incoraggiare e dare nuovo impulso all’arte moderna, non solo in Francia, ma nel mondo. Per il momento saranno esposte le opere d’arte appartenenti alla fondazione Lvmh e altre appositamente commissionate; una sorta di ‘eclettico mix, un regalo che vogliamo fare al pubblico’ come l’ha definito il numero uno di Lvmh, Bernard Arnault.

All’interno del museo è stato creato anche un ampio auditorium per concerti o altre manifestazioni dal vivo.
Come si festeggerà l’inaugurazione del nuovo museo in casa Vuitton? Ma con una nuova borsa naturalmente! Una limited edition molto speciale disegnata dallo stesso architetto Gehry che sarà lanciata in concomitanza con l’apertura del museo ad ottobre.

Categorie: Trade News Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: