Prendere la tintarella, può comportare qualche rischio per la pelle, come le scottature ed eritemi solari. E’ quindi importante conoscere tutti i rimedi di primo soccorso, anche casalinghi, per risolvere questi due problemi velocemente e nel modo migliore.
Le scottature più lievi, che sono anche le più diffuse, si presentano con rossore generalizzato della pelle, a volte uniforme, altre volte a chiazze.
Il malcapitato avverte la classica sensazione di bruciore e non sopporta lo sfregamento degli abiti sulla pelle infiammata. Persino il minimo contatto può dargli fastidio.
Se per le scottature più intense è fondamentale rivolgersi subito al proprio medico, per quelle lievi, possiamo provare qualche rimedio casalingo.
Allora proviamo a curare la nostra pelle bruciacchiata con impacchi a base di amido, un particolare zucchero che nutre la pelle, la idrata e a potere lenitivo.

L’amido si trova in farmacia e si può acquistare senza bisogno di ricetta medica, ma se non possiamo procurarcelo immediatamente è possibile ricavarlo da alcuni alimenti che lo contengono in grande quantità. Fra questi c’è il pane: lasciato nell’acqua e poi raccolto e strizzato, consente di eseguire spugnature delicate, ricche dell’amido rilasciato dalla farina, che non dobbiamo risciacquare dalla pelle fino al giorno successivo.
Altra fonte di amido è l’acqua di cottura del riso: si ottiene facendo bollire un pugno di riso in un litro d’acqua, poi si fa raffreddare prima di eseguire le spugnature.
Anche le patate crede sono utili: sbucciate e ridotte in poltiglia, si applicano sulla pelle dentro un canovaccio che lasci filtrare il liquido.

Piccole scottature, addio

Di Raffaella Ponzo

Categorie: Benessere donna Tag: , , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: