Soffrite di insonnia? Se avete la possibilità di andare in vacanza per una settimana, scegliete il campeggio. Trascorrere una settimana di vacanza in tenda aiuta a regolarizzare il nostro orologio biologico e la produzione di melatonina, l’ormone che favorisce il sonno. Essere esposti alla luce naturale durante il giorno è un vero e proprio toccasana in caso di insonnia.

Insomma, a quanto pare chi soffre di insonnia dovrebbe trascorrere le vacanze all’aria aperta: una settimana a contatto con la natura può bastare per tornare a dormire meglio.
Ma andiamo nel dettaglio per capire come si è arrivati a questa “scoperta”.
Tutto parte dall’Università del Colorado a Boulder, negli Stati Uniti, qui li esperti hanno sperimentato le loro ipotesi e poi pubblicato gli studi sulla rivista scientifica “Current Biology”.

Gli scienziati hanno proposto a otto persone con problemi di insonnia di passare una settimana in campeggio, senza tv, cellulari e luci artificiali.

All’inizio e alla fine dello studio, nel sangue dei pazienti, gli esperti hanno misurato i livelli di melatonina, l’ormone che regola il sonno. Hanno così scoperto che, in soli due giorni, i pazienti avevano sincronizzato i tempi del sonno con il tramonto e l’alba e subito avevano dormito meglio e più a lungo.
Allora, basta villaggi turistici only inclusive, per riposare veramente, basta una tenda e un sacco a pelo.

Categorie: Benessere donna Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: