Il meglio della moda approda a Milano e a dare il via alla settimana del fashion più importante dell’anno ci pensa Angelos Bratis.

Lo stilista di origine greca, pupillo di Giorgio Armani, ha avuto il compito di aprire ufficialmente la Milano Fashion Week in una location d’eccezione: il Teatro di Armani in via Bergognone.

Angelos Bratis ha mandato in scena una donna eterea, consapevole della propria femminilità, ma non per questo meno grintosa. I disegni sono eleganti, fluidi e puliti. Le linee morbide degli abiti da sera, i tubini scivolati sul corpo rivisitati in chiave moderna, fino all’uso creativo di colori come tortora, bianco, nero e celeste ottimamente mixati, hanno decretato il successo della sfilata firmata Bratis.

Angelos Bratis  - sfilata - mfw

Il designer greco gioca con le lunghezze degli abiti con orli che possono coprire il minimo indispensabile, ma non esitano ad allungarsi fino al ginocchio o anche sotto la caviglia se necessario. I drappeggi dominano la scena e restituiscono l’idea del movimento più fluido e naturale. Le acconciature sono raccolte, il make-up è minimal, in una sfilata dove gli unici protagonisti della scena sono gli abiti.
Foto via CameraModa

Categorie: Sfilate, Sfilate Donna, Sfilate Moda Donna Primavera/Estate 2015 Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: