Lo scorso settembre Starwood Hotels & Resorts ha aperto The Castle Hotel a Dalian in Cina, la quinta struttura di lusso del marchio nel Paese.

Un paradiso, un luogo da favola, che si trova a Dalian, una città che vanta un ricco patrimonio culturale storico che ha saputo fondersi alla perfezione con la modernità.

Ancora oggi il terzo porto per importanza nell’intera Cina, Dalian  si trova all’estremo della penisola di Liaodong, fra il Mar Giallo a est e il Mare di Bohai a ovest.

Un passato importante, che ha visto succedersi diverse dinastie fino all’occupazione giapponese nel XX secolo.

The Castle Hotel in Cina

Il Castle Hotel a Dalian è un sontuoso castello in stile bavarese circondato da una lussureggiante vegetazione situato sulla montagna Lotus, che si racconta ai suoi ospiti con architetture uniche che strizzano l’occhio ad oriente ed occidente.

Uno dei pochi castelli convertiti in hotel di lusso capace di vantare un mix di elementi artistici ed architettonici provenienti da tutta l’Europa, ma anche da Russia e Giappone.

I giardini sono abbelliti da statue di Afrodite, Poseidone e Piper mentre gli interni, si raccontano al primo sguardo con una scala a doppia rampa circondata da opere d’arte e soffitti spettacolari.

The Castle Hotel in Cina

Ad accoglier egli ospiti la scrivania di mogano intagliato a mano con cornice di madreperla situata nella Grand Lobby, per poi passare alle Lobby e ai ristoranti, dove è un trionfo di tessuti preziosi, dai velluti alle sete, che si sposano con bianche colonne neoclassiche e soffitti in cassettoni in oro antico.

292 stanze per gli ospiti, dotate di ogni comfort, e poi il ristorante che sorge dove un tempo c’era l’antica biblioteca.

The Castle Hotel in Cina

E ancora al pub, situato al quinto piano, che offre le birre più buona prodotte da una delle più antiche birrerie.
Sono inoltre presenti degli spazi dove potersi totalmente rilassare, come la piscina, la spa, bagni turchi.

Un vero e proprio sogno per chi vuole vivere un’esperienza unica ed entusiasmante.

Categorie: Curiosità Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: