Da anni ormai, è attiva la battaglia contro il peso, la taglia e le misure proposte dalla società. Che si tratti di moda o semplicemente di una bambola, che tutte almeno una volta abbiamo tenuto in mano ed abbiamo sognato di essere.

La Barbie è il primo esempio di perfezione che ci viene proposto nella vita, ma gli Stati Uniti hanno deciso di adattarsi ad un’alternativa simpatica e più realistica. La bambola in questione si chiama Lammily e prende il nome della creatrice Nickolay Lamm proveniente dalla Pennsylvaina.

Le vendite in America hanno già toccato un incasso di 500 mila dollari, per la bambola dall’aspetto di una normale ragazzina americana. Lammily infatti, è venduta in una taglia media, oltre alla possibilità di acquistare smagliature, accenni di cellulite, brufoli dettati dagli sbalzi ormonali dell’adolescenza, cicatrici, nei e anche tatuaggi.

L’anti-barbie, nonostante abbia parecchi “difetti” appare alla moda, con jeans e scarpe da ginnastica, abbandona la linea da modella e possiede lunghi capelli neri su una carnagione chiara.

Questa bambola prova che essere di aspetto ‘medio’ è bello. Ha una figura basata interamente sui dati dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, sulla taglia media di una diciannovenne Usa“, afferma la creatrice.

Nancy Malfa
foto via Solonotizie24

Categorie: Costume e società Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: