Anche se in inverno siamo più coperte, non bisogna mai dimenticare  la cura della nostra pelle, non solo mantenendola sana e pulita, ma anche profumata.
E per donare un odore seducente al nostro corpo e per rendere la pelle più fresca e vellutata, bisogna seguire alcune semplici regole alimentari.

ACQUA A VOLONTA’
Innanzitutto suggeriamo di bere tanto, perché il cattivo odore è causato dalle tossine presenti nel corpo e l’acqua serve per depurare i reni e l’intestino.

TE’ VERDE E CANNELLA
Fra tutte le bevande, il tè verde e le tisane a base di cannella sono le più indicate per profumare, proprio dall’interno del nostro corpo.

NO AL CAFFE’
Sostituite il caffè con il tè alla menta, oppure il tè al gelsomino. Questo perché il caffè ha un odore molto forte, mentre la menta e il gelsomino contengono sostanze che durante la digestione emanano il loro buon odore, purificano l’intestino e rendono la pelle più fresca e più profumata.

VERDURA E FRUTTA COTTE
Verdura e frutta cotta sono più facili da digerire e hanno un effetto depurante e drenante, per cui sono indicate per profumare la pelle. sono poi alimenti ricchi di fibre, che liberano l’intestino, e quando l’intestino è pulito, anche la pelle ha un odore fresco. Anche una macedonia con pezzi di vaniglia, profuma la pelle.

TANTO LATTE E POCHI CIBI IN SCATOLA
L’aglio e la cipolla hanno tanti effetti positivi sul nostro corpo, ma non sul nostro odore, dunque non bisogna eliminarli, ma vi suggeriamo di bere del latte dopo averli consumati.
Infatti il latte, in particolare scremato, riduce i cattivi odori nell’alito e sulla pelle che l’aglio e la cipolla causano.
Gli alimenti che contengono conservanti invece, vanno limitati, perché possono creare problemi di cattivo odore. Dunque no a tutti i cibi in scatola e alle merendine, le patatine in busta e alla maionese.

NO ALLA CARNE ROSSA
La carne rossa va ridotta ad un massimo di una volta a settimana, infatti comporta una digestione molto laboriosa che può creare odori sulla pelle.

di Raffaella Ponzo

Categorie: Bellezza Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: