La ‘Diva’ Bag segna la svolta decisiva della Maison Cavalli nella direzione di implementare il segmento degli accessori ‘haut de gamme’,  proponendo una borsa che incarna tutte le caratteristiche che contraddistinguono lo stile del Brand e offrendo alle donne la possibilità di indossare , non solo attraverso  gli abiti,  il sogno e la bellezza che lo stilista fiorentino ha creato negli ultimi 40 anni.

Roberto Cavalli ha dedicato la sua passione creativa alle donne, rendendole protagoniste assolute del palcoscenico della loro vita.
La donna che sceglie di indossare abiti e accessori della Maison Cavalli ha una capacità innata di sedurre, le luci sono tutte per lei: è una Diva.
Indipendenza e femminilità: la positività dei colori e delle stampe ‘animalier’ delle collezioni Roberto Cavalli esaltano donne che vivono a New York, Londra, Parigi, Milano … ovunque, definendo uno stile che è diventato riconoscibile a livello internazionale.

La Diva Bag è declinata in 3 dimensioni, e presenta le stesse caratteristiche per modello, impunture, costruzione e forma.
Per la creazione di questa borsa, di forma leggermente trapezoidale, sono stati utilizzati filati e impunture normalmente utilizzati nella lavorazione della Selleria, che da sempre si distingue per l’accurata selezione di materie prima e cura del dettaglio.

Ogni borsa viene controllata singolarmente per testarne le cuciture, la tonalità dei filati usati, l’uniformità dei pellami, le finiture interne ed esterne, fino ad arrivare al controllo della tenuta della fodera, realizzata con stampa ‘animalier’, da sempre identificativa della Maison Cavalli.

Tutte le parti in metallo hanno una galvanica studiata per avere un effetto di ‘lightgold’, esclusivo per tutti i modelli di questa nuova borsa.
La combinazione tra artigianalità ed estro rendono questa borsa un accessorio dalla struttura forte, maneggevole allo stesso tempo, con materiali testati e collaudati per durare nel tempo.

I primi modelli saranno già in vendita a partire da Novembre 2010.

Categorie: Borse Donna Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: