RYE&LYE  presenta il progetto donna KU TUA. Per inaugurare questa straordinaria iniziativa, sviluppatasi gradualmente ma in maniera fortemente consapevole, Immagine Eyewear ha scelto di collaborare con una biologa che da anni vive in simbiosi con l’Africa vera, quel continente crudo ed imprevedibile che tanto affascina per la sua storia e la sua natura.

Alessandra Soresina rappresenta pienamente il ruolo e l’identità più autentica del marchio RYE&LYE : è un personaggio straordinario nella sua normalità, proprio come i personaggi e gli animi che riflettono lo stile RYE&LYE . Per questo motivo l’anteprima della collezione donna è dedicata ai colori e ai tramonti africani, alle ossa consumate dal tempo, alle terre rossastre e al verde salvia che spesso è speranza di sopravvivenza.

KU-TUA, che in swahili significa rilassarsi, è il nome scelto per questo innovativo progetto. Per questo esordio Immagine Eyewear ha voluto spremere un pezzo di Africa per farcene assaporare i colori e le essenze. Alessandra Soresina, la ragazza che vive le sue giornate tra i leoni del continente nero, è l’inviata speciale che ispira questi modelli in cui il gusto retrò si mescola ad uno spirito avventuriero. I colori sono naturali, ispirati dall’avorio, dall’osso, dai legni consumati, dalle piante bruciate e dalle terre inconfondibili.

La collezione realizzata per questa nuova iniziativa è volutamente contenuta in quanto ogni singolo occhiale è l’espressione ultima di una ricerca – in termini di design e materiali – estremamente precisa ed accurata. Preziose rifiniture e materiali pregiati caratterizzano ogni modello trasformandolo in una vera e propria opera d’arte che sembra arrivare da luoghi e tempi lontani. Astine in legno con tessuto zebrato in alcantara applicato all’interno e frontale in acetato: ecco la magia di Twiga, il gioiello che RYE&LYE  dedica a tutte le donne. Il contenitore sembra rubato da un vecchio set di valigie che arriva dalla Tanzania e un fazzoletto di seta zebrato avvolge gli occhiali.

Categorie: Occhiali.

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: