E’ possibile all’età di 44 anni essere ancora tra le modelle più richieste del fashion business? Sì, se sei Naomi Campbell!

La Venere Nera sta vivendo una seconda giovinezza grazie agli incarichi da testimonial che continuano a pioverle addosso. Dopo la campagna SS15 per Burberry dove divide la scena con la collega Jourdan Dunn, Naomi è pronta a spogliarsi per Agent Provocateur, il brand francese di lingerie sexy creato dal figlio di Vivienne Westwood.
Naomi Campbell per Agent Provocateur
A fotografare Naomi Campbell sul set di Agent Provocateur è Ellen von Unwerth, l’ex modella tedesca oggi affermata fotografa, specializzata nell’erotismo femminile. Ed in effetti gli scatti sono ad elevato tasso erotico. Naomi è ritratta come una femme fatale intrigante e pericolosa; una dominatrice con tanto di manette e frustino che schiavizza i partner, seduce con il magnetismo del suo corpo e con una biancheria intima audace e sensuale.

Ad ispirare il mood della campagna fotografica sono film come ‘Strade perdute’ di David Lynch e il classico ‘Omicidio a luci rosse’ di Brian de Palma, thriller dark con donne assassine come protagoniste. Naomi è perfetta nel ruolo della serial killer, ammaliatrice e pericolosa anche (anzi, soprattutto) in biancheria intima.

Tra Naomi e la fotografa Ellen von Unwerth si è stabilita subito una connessione speciale, ambedue sono donne dalla forte personalità, spiritose e consapevoli del loro talento.

Naomi Campbell ha affermato di essersi molto divertita durante lo shooting della SS15 di Agent Provocateur: “E’ favoloso essere la testimonial di Agent Provocateur, specialmente ora che ho superato i 40 anni!”

La super modella è stata scelta dal brand proprio per la sua straordinaria bellezza di ‘over forty’, per trasmettere il messaggio che la biancheria sexy è dedicata alle donne di tutte le età, non dobbiamo essere certo come Naomi Campbell per sentirci sexy, la fiducia in se stesse e la lingerie giusta fanno miracoli!

Categorie: Intimo Donna Tag: , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: