Il blush, o anche fard come viene spesso chiamato, spesso trascurato nel trucco, è viceversa capace di fare degli autentici miracoli.
Applicato con sapienza infatti, può esaltare i nostri pregi e mettere in secondo piano i difetti.
Ma come in tutte le cose, l’applicazione e il tipo di sfumatura, dipende dalle caratteristiche del viso.

Dunque ecco il tutorial completo, che insegna ad usare il fard o blush secondo la forma del viso.

PER IL VISO TONDO: il viso tondo ha la caratteristica di essere largo quasi quanto è lungo e di raggiungere la massima larghezza in corrispondenza delle guance. Per sfinare il viso, in questo caso applichiamo il fard in diagonale, partendo dalle tempie verso gli zigomi, immaginando di disegnare una linea obliqua che abbracci l’osso dello zigomo.
Questo movimento slanci a il viso verso l’alto, creando l’illusione ottica di renderlo più magro.

PER IL VISO LUNGO: Il viso lungo, necessita di essere accorciato e dunque applichiamo il fard dal centro delle guance verso le tempie, seguendo delle linee orizzontali. Si può ulteriormente riproporzionare il viso, stendendone una porzione sul mento.

PER IL VISO TRIANOLARE: Caratteristica del viso triangolare è quella di avere la fronte ampia e gli zigomi alti, per sfinarsi nella zona del mento.

Su questo tipo di viso, il blush dovrebbe essere applicato seguendo una linea a forma di V laterale sugli zigomi. Partiamo quindi dagli zigomi, sfumando il fard verso le tempie. L’ultimo tocco lo diamo sulla fronte, per bilanciare le proporzioni del viso.

PER IL VISO QUADRATO: Il viso quadrato ha la caratteristica di essere spigoloso, quindi il fard ha il compito di ammorbidire gli angoli. Applichiamolo allora al centro delle guance, sfumandolo poi verticalmente lungo la linea della mascella.

PER IL VISO MINUTO: Il viso magro e minuto va riempito proprio con il fard che verrà applicato al centro delle guance con movimenti circolari. Terminiamo il make-up sfumando il prodotto lungo gli zigomi e fino alle orecchie.
Di Raffaella Ponzo

Categorie: Bellezza Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: