“Distinguersi senza farsi notare” è il motto che racchiude la filosofia che si cela dietro alle creazioni Leek Handmade Jewellery.

Laureata in filosofia con indirizzo estetico e una tesi sui tessuti dell’Africa Occidentale, Francesca Porro nel 2013 ha sviluppato l’idea di una linea di gioielli basata sulla rielaborazione delle antiche tecniche di tessitura tradizionale apprese negli anni in cui si è dedicata al restauro di arazzi e tappeti antichi.

Ogni pezzo, ispirato dalla combinazione tra texture, forma e dimensione viene lavorato a mano da Francesca con la tecnica del crochet e dell’annodatura, utilizzando corda industriale in fibra sintetica di vari colori, un materiale leggero e molto resistente, ideale per realizzare i macrovolumi di questi monili a carati zero interamente prodotti in Italia.

I moschettoni utilizzati per le chiusure sono rigorosamente nickel-free. Nodo dopo nodo nascono gioielli la cui preziosità sta nella ricerca di una struttura rigorosa ma al contempo “morbida” e di forte impatto visivo.

Ornamenti facili da indossare, dall’inconsueta personalità e con un mood sofisticato. Attualmente i monili di Leek Handmade Jewellery sono in vendita a Milano alla Galleria Rossini e da Brandstorm, a Lecco alla Gallria Melesi, a Vimercate allo Spazio Heart, a Udine da 16 metriquadri e alla Villa Reale di Monza presso il Bookshop mostra Giorgio De Chirico.

Categorie: Accessori.

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: