Osservare le creazioni di Miuccia Prada per la Primavera/Estate 2016 è come smarrirsi in un’opera d’arte astratta, con pezzi straordinari in cui perdersi per scoprirne il ritmo e il fascino non convenzionale di un modo di vivere l’arte della moda al di sopra di strutture tradizionali e dictat.

La donna Prada è ironica ed elegante, una figura che scappa dall’immagine sensuale e femminile più evidente: essa afferma la sua passione per l’unione di colori e materiali, che apparentemente si respingono ma che in realtà creano sempre uno stile sofisticato senza paragoni. Affascinanti geometrie e proporzioni che danno movimento ad abiti ricchi di colore freschi che richiamano proprio la varietà di toni presente in una tavolozza piena di sfumature; completi composti da righe verticali e rombi tinti dai toni del giallo e dell’aranciato con strategiche fasce di color nero posizionate su spalle e punto vita in grado di scolpire e definire la silhouette.

Segno distintivo dello stile Prada è la mescolanza di materiali diversi, in grado di creare un unico pezzo, armonioso, come lo straordinario tailleur in Principe di Galles e pied-de-poule; pannelli diversi d’organza, paillettes, lana e metallizzato assemblati non solo in un intera collezione ma in un unico outfit, scelta che lascia senza fiato chi guarda.

Protagonista è la gonna a ginocchio, il pezzo sul quale ruota tutta la collezione, elemento accostato a bluse morbide, giacche in pelle, trench e giacche strutturate: tutti elementi che giocano su stampe geometriche e proporzioni.
Gli accessori coniugano eccentricità ed eleganza mantenendo il mood geometrico dell’intera collezione: le scarpe si riconfermano l’elemento più desiderato della stagione, con sandali d’altezza media e scarpe basse con cinturino, una scelta comoda ma sempre raffinata e femminile.

di Claudia Tirendi

Categorie: Sfilate Moda Donna Primavera/Estate 2016 Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: