La più grande paura di ogni donna è ingrassare a dismisura fino ad arrivare all’anno nuovo con almeno 2 kg in più su cosce e fianchi. Punti strategici nei quali si accumulano pandori farciti di creme zuccherate, cotechino, lasagne, prosecco, pizze e una lunga lista di prodotti tipici delle feste.

Terrore che ogni anno si concretizzata insieme al conto alla rovescia per la vigilia di Natale. Apparentemente l’unica cosa da fare sarebbe soffrire in silenzio mentre il resto dei familiari ingurgita a più non posso le prelibatezze delle feste, razionalmente invece gli esperti elencano qualche buon consiglio per evitare i lacrimoni sulla bilancia il 1° gennaio.

L’azione più logica sarebbe mettersi a dieta preventivamente in modo da concedersi qualsiasi dolce e carboidrato nei giorni di festa. Tra le regole basilari c’è la rinuncia al bis. Per quanto succulenta possa essere una portata in tavola, dimenticate di chiedere una seconda porzione e optate per un drink analcolico, meglio ancora se si tratta di acqua naturale.

Siete già sazi? Rinunciate alla fetta di panettone, al massimo riducete la porzione, ma l’errore più grande non  sta nella cena della vigilia o nel pranzo di Natale, bensì nei giorni successivi fino al Capodanno. Il 99,00% degli italiani si considera sgunzagliato da obblighi alimentari dal 24 dicembre al 1 gennaio, quando effettivamente i giorni da bollino rosso sono solamente due e mezzo!

Nancy Malfa

Categorie: Benessere donna Tag: , , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: