Primo dicembre, Roma. Magica, affascinante, la città Eterna, la capitale del mondo. Ed è proprio qui, tra le strade intrise di storia, che si è tenuto l’ultimo fashion show di Chanel, Métiers d’art, in onore della tradizione artigianale di cui si fa vanto la Maison.

E come d’incanto, tutto l’universo parigino si è trasferito a Roma, precisamente a Cinecittà, la fabbrica dei sogni made in Italy. L’iniziativa è stata accompagnata sui social dall’ashtag #ParisInRome. Dai bistrot, alle boulangerie, ai cafè , alle fromagerie, alla metrò Rome-Paris, tutto meticolosamente nel dettaglio, le bohemièn strade parigine hanno preso vita nel teatro n°5, il preferito di Fellini.

Anche “le Cinemà” non è venuto meno, infatti per la proiezione del nuovo cortometraggio firmato Karl Lagerfeld, è stato allestito un mega schermo all’aperto, in cui hanno proiettato ‘Once and Forever’, un omaggio alla vita di Coco “l’irrégulière”, interpretata da Kristen Stewart (nuova musa di Karl) e da Gèraldine Chaplin, presenti anche loro in first row.Sfilata Chanel Roma Cinecitta 2015

Lo show è stato davvero dinamico, i circa 800 invitati infatti, si spostavano da un set all’altro a seconda dello spettacolo, dal cocktail bar, al cinema all’aperto fino alla passerella. Mai banale, Karl Lagerfeld ci ha stupito, come sempre: “Non so da dove Karl faccia nascere queste visioni, non è mai a corto di idee, di energia, di ispirazione. E’ davvero speciale”, ha affermato entusiasta Rooney Mara.

Accompagnate dal suono di Christophe Chassol, le modelle hanno invaso il set bianco nero con look che incarnano lo stile tipico della Maison Chanel, ma con un tocco di Italian Style, che le ha rese ancora più glamour. Un retrò molto romantico, caratterizzato da abiti eleganti e fluttuanti in seta, cappotti in lana, gonne midi in pelle, tailleur in tweed, capi in pizzo, velluto, il tutto tempestato da preziosi ricami, fiori, perle e pietre.

Maxi capispalla, mantelline, maglioni oversize, pantaloni a gamba larga, tailleurs, calze ricamate, maxi e mini abitini hanno dominato la passerella. Ha fatto il suo debutto la Camera-clutch, borsa a forma di vecchio video registratore anni ’70.

La palette della collezione varia dai toni classici del nero, del grigio fumo e del bianco, all’arancione, al mattone, all’ocra e al rosa chiaro (colori autunnali italiani). Il make up della donna di Karl Lagerfeld si concentra per lo più sullo sguardo, rendendolo più accattivante grazie ad uno smokey eyes pesante e sbavato, e un hair look spettinato, un po’ alla Brigitte Bardot degli anni d’oro.

Oltre a i nomi già citati, erano presenti all’appello anche l’attrice Kasia Smutniak, Franca Sozzani, direttrice di Vogue Italia, Carolina di Monaco, Silvia e Carla Fendi.

Al termine della sfilata Karl Lagerfeld ha fatto il suo trionfale ingresso, accompagnato da alcuni modelli e dal suo pupillo, Hudson Kroenig, di soli 7 anni. Una grande festa ha poi preso luogo fino a tardi.

Il connubio Roma-Parigi è stato ancora una volta vincente. Ed è significativo che tutto questo si sia svolto a qualche settimana dalla vile strage terroristica che ha colpito la capitale parigina e tutti noi. L’hashtag #ParisInRome ha così assunto un significato più profondo, complesso e solidale. Oltre la moda. Per la vita.

di Lucia Marino

Categorie: Moda Donna Tag: , , , .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: