Sono infiniti gli abbinamenti che si possono fare con scarpe e vestiti e, in base al tipo di calzatura, stravolgere totalmente il mood della nostra mise, rendendola più o meno elegante, oppure più o meno formale.

La moda impone sempre nuovi cambiamenti ed evoluzioni, e negli ultimi anni è toccato alle sneaker prendersi il palcoscenico. Questo tipo di scarpa, un po’ maschile e molto “sportiva”, si è evoluta al punto di diventare un tipo di calzatura presente ovunque, si va da quella prettamente sportiva, quasi da palestra, a quella con pannelli jaquard o pelle brunita che mantiene un tono elegante e sport-chic allo stesso tempo.

Pochi sanno che fino agli anni’70 si erano viste solo sui campi di atletica e negli stadi delle più popolari discipline sportive. A sdoganarle è stato Pony, il brand di sneaker nato nel 1972 a Manhattan grazie al talento creativo di Roberto Muller.

PONY è stato il primo brand al mondo a veicolare nelle strade delle città le sneaker e a segnarne la storia di ogni generazione dagli inizi degli anni ’70 ad oggi.

Un successo planetario che si racconta con le celebri immagini firmate PONY di NBA, NFL e altre leghe sportive statunistensi, incluse quelle di baseball, boxe e soccer con protagonisti i miti dello sport internazionale.

Oggi il rilancio di PONY sul mercato europeo, un’operazione marketing importante che parte dall’Italia grazie a Baco Distribution di Andrea Conidi, società di consulenza commerciale esperta nella distribuzione di fashion brand internazionali.

PONY è pronta a tracciare nuove storie e come punto di partenza ha scelto di scommettere sui modelli heritage del brand, derivazioni di quelli storici e punti di riferimento per gli sneaker addicted di tutto il mondo.

Categorie: Sneakers.

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: