Ebbene sì, le vacanze sono finite. Si ritorna alla solita routine e la vostra coscienza, o meglio il vostro senso di colpa, vi porta a riflettere su quante volte vi siete lasciati andare a qualche piacere culinario in più durante la stagione estiva.

Adesso non vi resta che ritornare sulla buona strada: per mantenersi in forma dopo le vacanze estive basta seguire dei semplici consigli e soprattutto realizzare i vostri piatti nei migliori dei modi, affinché siano privi di grassi in eccesso, caratteristica fondamentale per ritrovare il proprio peso forma. In questo articolo cercheremo di fornirvi informazioni e consigli a proposito dei metodi di cottura, elemento basilare per tornare in forma, e che viene spesso sottovalutato.

Abbiamo raccolto un po’ di informazioni per voi, attingendo principalmente dai come fare in cucina offerti dal sito della Galbani.

I metodi di cottura sono basilari per ottenere ottimi risultati in poco tempo. Quali sono i tipi di cottura più diffusi? Tra i tanti troviamo: la cottura in forno, la cottura in padella e quella a vapore.

Cottura in forno

Con questo metodo è possibile realizzare qualsiasi tipo di piatto, dai primi (le classiche lasagne al forno) ai secondi, per non parlare delle pizze e dei dolci. Per quanto questo metodo sia pratico e permetta di realizzare piatti sfiziosi e succulenti, spesso la lunga cottura prevista tende a far perdere agli ingredienti, soprattutto alle verdure, le qualità benefiche. Come mai accade questo? Sottoporre un ingrediente a una lunga cottura demolisce le proteine e l’amido in esso presenti, favorendo sì una digestione più veloce ma a discapito del mantenimento delle proprietà nutritive. Se non volete proprio rinunciare alla cottura in forno vi basterà cuocere i vostri ingredienti preferiti, anche carne e pesce, al cartoccio.

Cottura in padella

Con la cottura in padella, il calore raggiunge il cibo per conduzione; si trasmette quindi direttamente sugli ingredienti, eccetto quando viene aggiunta qualche sostanza per facilitare e insaporire la preparazione (come l’olio o il burro, ma anche il vino o l’acqua). L’aggiunta di sostanze grasse permette quindi di ottenere un soffritto. Per evitare di immettere nel nostro corpo sostanze troppo pesanti vi basterà far riscaldare bene la padella prima di aggiungere l’olio: il calore, facendolo espandere, ridurrà la quantità necessaria e quindi quella di grassi.

Cottura a vapore

Con questo metodo potrete creare piatti deliziosi ma soprattutto leggeri, perfetti quindi per tornare in forma dopo le vacanze estive. Gli alimenti, in questo caso, raggiungono il giusto grado di cottura semplicemente grazie al vapore, evitando quindi un diretto contatto con gli alimenti. Il calore, in questo modo, permette al cibo di mantenere le proprie caratteristiche nonché il loro aroma e colore. Per cucinare a vapore, però, è necessario l’utilizzo di un particolare utensile culinario, ovvero la vaporiera elettrica; vi permetterà di ridurre i tempi di cottura e persino di cucinare più piatti contemporaneamente!

Categorie: Costume e società Tag: .

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: