Daizy Shely porta sulla passerella di Milano Moda Donna una collezione giocata sui contrasti, nulla è come appare, dunque.

Ad ispirare la PE 2018 della stilista è l’amore, inteso nell’interpretazione di Freud come sentimento capace di esaltare ma al tempo stesso di rendere vulnerabili, fragili.

Dalla collaborazione con l’artista Umberto Chiodi nasce così una stampa che è un inno alla mutevolezza dell’amore, alle sue contraddizioni: piccoli Cupido e leggiadre figure femminili fluttuano in un’atmosfera di apparente armonia.

Solo osservando con attenzione si scorgono dettagli inquietanti di corde che si stringono attorno al collo e sguardi di paura: la minaccia dell’odio e dalla gelosia incombe, la quiete è messa in fuga dal pericolo imminente. La stampa è declinata nei tessuti più vari, dalla doppia organza, al satin, al duchesse di cotone.

L’amore per i contrasti e per la sperimentazione, ricorrente nelle collezioni della designer israeliana, si legge anche nella palette di colori: verde acido, giallo chiarissimo, rosso corallo, turchese. Apparentemente inconciliabili eppure armonici.

Per Daizy Shely forza e fragilità si giustappongono anche nei tessuti: il denim, informale e versatile, è accostato con disinvoltura a tessuti più delicati come il pizzo macramé o il crépon, che spunta da gonne sfilacciate, tagliate in maniera asimmetrica.

I jeans dalla silhouette anni ‘90 hanno applicazioni di ricami che percorrono la gamba.
Piume di struzzo e frange decorano l’orlo di preziosi top e abiti a sirena in pizzo francese a cui sono abbinati guanti lunghissimi nello stesso tessuto, fissati alle maniche con piccoli bottoni, quasi a dare un effetto all-over.

Categorie: Sfilate.

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: