WHITE edizione Settembre 2007: bilancio positivo

WHITE edizione Settembre 2007: bilancio pi? che positivo

Chiude la settimana della moda a Milano, e termina cos? anche questa edizione di WHITE, il ?salone atipico? che negli anni si ? imposto nel settore espositivo come punto di riferimento per tutto ci? che ? tendenza, ricerca, innovazione.

Con i suoi 200 espositori, un afflusso di oltre 10.000 visitatori totali, tra cui 8.212 compratori, un aumento del 15% dei buyer esteri (specialmente Russia e Stai Uniti) e dell?8% di quelli italiani, WHITE ha visto premiata la strategia del ?salone nel salone?.
Portare all?interno di un unico contenitore diverse realt? espositive e coinvolgere tutti i protagonisti del settore moda, dai produttori ai designer, ha permesso di presentare l?intera filiera della moda in un contesto dinamico, internazionale e di qualit?.

Le tre grandi novit?, SHOWROOM ECO-SOSTENIBILE, FASHION LINGERIE e GALLERY si sono affiancati agli appuntamenti vincenti della passata edizione (febbraio 2007): ARTPOINT – 12 ORE ? INSIDE WHITE AWARD – ON|OFF ? IQONS.

SHOWROOM ECO-SOSTENIBILE – La novit? assoluta di WHITE per promuovere un nuovo approccio al futuro, pensando ad un fashion etico, associando il passato con la moderna tecnologia e creando collegamenti sostenibili tra i laboratori e le emergenti industrie eco-tessili. La nuova iniziativa nasce grazie ad una partnership fra WHITE e  C.L.A.S.S. (Creativity, lifestyle and sustainable sinergy) un?associazione di produttori di tessuti eco-sostenibili che espone l?optimum in termini di tessuti, in grado di conciliare tecnologia e responsabilit? verso l?ambiente.

FASHION LINGERIE – L?intimo fa il suo ingresso al WHITE. Per la prima volta una sezione espositiva dedicata alla lingerie. Una selezione di marchi moda nel settore abbigliamento intimo.

GALLERY – Il salotto della calzatura di tendenza dove selezionate aziende calzaturiere di fama internazionale hanno esposto le loro collezioni P/E 2008.

Durante tutti i quattro giorni, nell?ambito del 12 ORE, si sono alternati nelle loro performance creative: Marc Le Bihan, Rodnik, Todd Lynn e Jonathan Saunders, facendo vivere il salone con la stessa intensit? dall?inizio alla fine.

Questa edizione del WHITE ha fatto inoltre da cornice alla presentazione di WHITE CLUB, un?associazione no-profit volta a sostenere gli stilisti emergenti e meritevoli, creando per loro un network di contatti. L?idea di base ? sostanzialmente quella di offrire da un lato una maggiore visibilit? a designer che altrimenti non riuscirebbero a presentare il proprio lavoro, e dall?altro di fare da ponte tra stilisti e industria. Mettere in contatto gli uni con gli altri, favorire una sponsorship nei confronti di un creativo che si valuti affine, proporre collaborazioni in seno a una grande realt? che possa aiutare gli stilisti nello sviluppo della propria marca: ecco la ricetta vincente di WHITE CLUB.

 

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Ti potrebbero interessare…

Il surrealismo di Max Ernst per Albino

Il surrealismo di Max Ernst per Albino

È dalla tela del surrealista Max Ernst del 1958, “33 fillettes partant a la chasse d’un papillon blanc”, che prendono forma le silhouettes della collezione

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy