Kristina Ti, collezione Donna Primavera/Estate 2012

Kristina Ti, collezione Donna Primavera/Estate 2012

La sfilata di Kristina Ti si apre con un lutto, sette outfits atemporali total black, simbolo di un’austerity di remota memoria e al tempo stesso antesignano per eccellenza di uno stile definito e raffinato.

Calibrati contrasti di un vissuto intimo e personale, il carnevale e il funerale; come nel romanzo “Dona Flor e i suoi due mariti”, la sfilata di Kristina Ti si apre con un lutto, sette outfits atemporali total black, simbolo di un’austerity di remota memoria e al tempo stesso antesignano per eccellenza di uno stile definito e raffinato. Come l’abito in maglia grossa lungo fino ai piedi, il macro-cardigan con inserti di pelliccia  o il cappotto strizzato in vita, ampio a sfiorare la passerella in terra battuta, alternati a micro-dress in tessuti dall’aspetto grezzo, tinti a freddo e poi sfrangiati a mano e romantiche blouse con ruches e ricami, esaltazione del lavoro delle petites mains della produzione made in Italy.

Subito dopo il dna del marchio è sintetizzato in un’esplosione di fiori provenzali ricamati sapientemente a dare vita a una fitta selva di petali e corolle su giacche lineari e gonne over-long, oppure stampati su camiciole leggere con bottoni a bocciolo e abiti cortissimi accarezzati da spirali di volants, sostenute da passamanerie a coda di topo. Gli stessi volants che invadono prepotentemente i bordi del due pezzi da bagno e dei piccoli top monospalla.

Un’atmosfera poetica per gli abiti a balze patchwork di tessuti diversi che esagerano la silhouette fino ad allungarla all’estremo, simbolo di un’opulenza non ostentata ma volutamente sottintesa.

La maglieria millerighe è un tributo alla stilista Sonia Rykiel e unisce grafismi e forme romantiche per una serie di abitini, top e cardigan dalla linea sottile, scivolata, senza nessuna costrizione che imprigioni il corpo, in contrasto con cappottini e giacche che diventano quasi delle divise di protezione, a celare un’anima preziosa e raffinata che appare nascosta e in un secondo momento si svela.

Le stampe sono Very Kristina Ti: flower-prints con forti richiami al mondo folk e liberty, con fiori stilizzati mescolati e confusi con piccole stelle iridescenti  e romantici bouquet di foglie. Nessun accessorio a riempire la scena, perchè fra gli “accessori” fondamentali sono indispensabili cultura e intelletto vivace.

C’è spazio anche per il K-Way di Kristina Ti: la celebre giacca da pioggia, nata a Parigi nel 1965, viene proposta in versione logo-mania, la stampa che racconta in piccole icone il mondo della designer torinese, è riprodotta all-over su base floreale, in armonico contrasto con l’inconfondibile zip tricolore di K-Way.

Tessuti
Tessuti tecnici ricamati a margherite macro, taffetas jacquard, rasi, cotoni spessi stampati, mussole stampate, creponne stampati e impreziositi da lamine iridescenti, sete seersucker stampate, tulle di cotone ricamato con fiori ecru.

Colori
L’immaginario noir del colore mezzanotte è acceso dal colore feticcio di Kristina Ti, il rosa, in tutte le sue gradazioni dal gemma al fucsia-orchidea. Il bianco assoluto è stemperato nei toni naturali, dal vaniglia al talpa.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy