Il surrealismo di Max Ernst per Albino

Il surrealismo di Max Ernst per Albino

È dalla tela del surrealista Max Ernst del 1958, “33 fillettes partant a la chasse d'un papillon blanc”, che prendono forma le silhouettes della collezione

È dalla tela del surrealista Max Ernst del 1958, “33 fillettes partant a la chasse d’un papillon blanc”, che prendono forma le silhouettes della collezione.

Si tratta di figure simili ma allo stesso tempo diverse l’una dall’altra, proprio a delineare la diversa personalità per ciascuna di esse.

Il fil rouge è il surrealismo e le sue tecniche espressive, la ricerca e il gioco di volumi architettonici e di una figura femminile innocente, costante dello stile Albino.

L’antica tecnica del frottage, poi riscoperta in epoca moderna proprio da Ernst, è stata applicata sui tessuti: le toiles a patronage che si usano per tagliare le prime tele sono state stampate con lacche e lamine o più semplicemente inspessite per renderle più corpose.

Il collage e il ripping nella pittura surrealista, si traduce nella ricerca di tridimensionalità anche nelle linee pure e nei volumi misurati e nell’accostamento di crêpe di cotone grezzo alla stuoia di seta, di lamé al mikado double di acetato, il tutto in un contrasto tra lo organico e il tecno. …la leggerezza della farfalla e la sua presenza – assenza…

Così come nel quadro di Ernst la farfalla non viene raffigurata ma si percepisce grazie alle pennellate irregolari, nella collezione sono le tecniche utilizzate a fare percepire la presenza della farfalla: i ricami a petalo (in degrade o pennellati), le applicazioni di organza e georgette aerografate  e la  stampa che propone la grafica delle ali in chiave animalier.

La ricerca della pulizia nelle linee si traduce in costruzioni essenziali dove le cuciture e i tagli sono ridotti al minimo: maniche a kimono, gonne e abiti realizzati da un unico pannello di tessuto e cappe e spolverini a bozzolo, oppure il contrasto tra linee tonde e squadrate, ruote e rettangoli. Tutto è finalizzato a rendere leggeri e aerei anche i capi realizzati con tessuti più pesanti e tecnici.

La palette di colori è naturale e morbida, ecru, grezzo, tabacco, verde pino con pennellate di bianco e nero, intervallati da tocchi di colore lucido, giallo oro, pesca, cognac, ottone e bluette.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Ti potrebbero interessare…

Le sfilate del 24 settembre

Le sfilate del 24 settembre 2017

Sfilate Moda Donna Milano del 24 settembre, si alternano le firme più prestigiose e le modelle più belle ma l’attenzione è, ovviamente, tutta per i vestiti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy