Dagli Usa all’Italia su una Vespa 50

Dagli Usa all’Italia su una Vespa 50

Dagli Usa all’Italia su una Vespa 50: reportage di un viaggio mitico.

Dagli Usa all’Italia su una Vespa 50: reportage di un viaggio mitico

Una Vespa 50 special color arancione del 1978 e una giovane coppia – più o meno coetanea della due ruote – che corona un sogno percorrendo in soli due mesi la mitica Route 66, quasi 3.755 chilometri da est a ovest degli Stati Uniti, partenza a Chicago e arrivo a Los Angeles.

L’America in Vespa (pagg. 208; euro 16,00) che Mursia manda in libreria a metà settembre, è il reportage di questo viaggio straordinario – e molto low cost – che Giorgio Serafino e la moglie Giulia si sono regalati in sella a Generale Lee come hanno battezzato la loro fida vespa in onore della serie televisiva Hazzard. Un viaggio che è anche una scelta di vita sulla strada dell’avventura, il simbolo dell’on the road, cantata da Nat King Cole e raccontata da John Steinbeck come the mother road.

Ricorda Giorgio: «I miei amici mi hanno preso per pazzo quando ho detto che volevo rimettere in piedi quel rottame abbandonato da anni nel mio giardino. Soltanto Giulia ci ha creduto e da subito. Avevamo ragione: ho svuotato il serbatoio, cambiato candela e pulito il carburatore. Al terzo colpo è partita!»

Poi le mille peripezie per la spedizione di Generale Lee oltre Oceano in un’enorme cassa di ferro al costo di 1.400 euro (molto di più del suo valore), l’arrivo a Chicago, la forsennata ricerca di un’agenzia disposta ad assicurare la due ruote e, finalmente, il sogno può avere inizio tra paesaggi mozzafiato, villaggi fantasma, costeggiando il fiume Colorado all’alba, lungo i tornanti del Grand Canyon, dribblando serpenti in libera uscita nel deserto, in fuga da i tornado. Chilometro dopo chilometro, Stato per Stato, Giorgio e Giulia hanno coinvolto nella loro avventura decine e decine di personaggi della profonda provincia americana: sceriffi burberi ma benevoli, indiani e cowboy di oggi, gestori di fast food e di sordidi motel, centauri di Harley-Davidson che non hanno mai visto una Vespa e se ne innamorano subito.

«Quel che davvero conta non è la meta ma la strada», continua Giorgio, «lo spirito on the road, l’importanza dell’incontro con la gente, sono valori che appartengono a me e a Giulia. Credo di avere il privilegio di poterli vivere e, poi, anche raccontare».

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Ti potrebbero interessare…

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy