Prada: sfilata autunno inverno 2012/13

Sfilata Prada: Willem Dafoe al servizio di Miuccia per graffiare il potere che non sa vestirsi

MIlano moda Uomo - Sfilata Prada: Willem Dafoe al servizio di Miuccia per graffiare il potere che non sa vestirsi

Prada: sfilata autunno inverno 2012/13Milano Moda Uomo, la sfilata di Prada è suggestiva, unica, profonda. La Maison tratta con stile temi attuali, importanti e li spinge ai massimi livelli.

Una pletora di modelli attorno a un cast di stelle hollywoodiane: Willem Dafoe, Tim Roth, Gary Oldman, Adrien Brody, Emile Hirsch, Garrett Hedlund, Jamie Bell e i gemelli Alexandre e Victor Carril. Nove attori importanti per interpretare quella che Miuccia Prada chiama “La commedia del palazzo del potere”.

E’ un vero show la collezione autunno/inverno 2012-13 di Prada. Mettere in scena il rapporto tra potere maschile e abbigliamento, questo il succo filosofico della performance, con una consapevolezza: l’abbigliamento è uno strumento che serve agli uomini per gestire il potere. E una disillusione: oggi l’abito non serve a questa rappresentazione. Ecco allora che in scena va una parodia di questo rapporto, riflesso di un potere in carenza di legittimazione, privo di una adeguata coscienza culturale

A tratti lo show si trasforma in una presa in giro, ad esempio quando viene esibito il guardaroba da alto funzionario in versione raffinato “spaccone”. Cappotti sovrapposti, camicie con colletti alti, decorazioni su giacche e cappotti, le scarpe con le soprascarpe, i gemelli ai polsi sono indicatori delle manie maschili che Prada declina in una messa in scena a tratti teatrale e a tratti satirica, mettendo l’accento su una via di uscita che non può essere se non il ribaltamento delle sicurezze acquisite per trovare un nuovo modo dell’abito e della moda.

Sulla pedana sfilano non solo “padroni e dirigenti” ma anche camerieri e impiegati che si mescolano in scena. E nel finale arrivano i divi di Hollywood che si esibiscono nella interpretazione di spacconi elegantissimi. E’ insomma una rappresentazione al confine tra malizia e cattiveria. Tra gli abiti più suggestivi ricordiamo i cappotti stretti in vita da una cintura e con il colletto a camicia, i cappotti di seta che sembrano vestaglie, le camicie strette al busto dal panciotto e i pantaloni che con il panciotto si allungano alla metà del busto.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy