emma-arisa-noemi-sanremo

Emma, Arisa e Noemi: quando la vittoria è ‘rosa’

Emma Marrone, vince il festival con la sua "Non è l'inferno" , ma per la prima volta sono 3 donne a vincere insieme sul palco

emma-arisa-noemi-sanremo

Quest’anno Sanremo è stato il trionfo, oltre che delle polemiche per Celentano, anche delle donne. Tra le tre finaliste Arisa, Noemi ed Emma Marrone, è stata quest’ultima ad aggiudicarsi la “kermesse” canora con la sua “Non è l’inferno”. E anche nella vittoria, non mancano le pesanti accuse di Kekko dei Modà, che ha scritto il brano per lei.

Già dal principio, Sanremo era stato funestato dal tira e molla di Tamara Ecclestone, ricca ereditiera che ha dato forfait, e dai problemi fisici di Ivana Mrazova, che per un torcicollo non si è presentata alla prima puntata.

Ma a proposito di carisma, ci hanno pensato Belen Rodriguez ed Elisabetta Canalis a ristabilire la leadership femminile. Giunte per un semplice passaggio di testimone, si sono trovate ad impersonare un ruolo a metà tra conduzione ospiti, fino al ritorno della Mrazova. Quest’ultima non si è distinta per brillantezza e bravura, facendo il minimo sindacale concessole dagli spazi a disposizione.

A proposito di spazi, c’è un personaggio che ne ha avuti parecchi quest’anno: il tanto discusso Adriano Celentano, contestato per il suo regolamento di conti con i giornali Avvenire e Famiglia Cristiana.
Si vede che, a parte l’impeccabile Morandi e lo stralunato ma apprezzato Rocco Papaleo, quest’anno era compito delle donne stupire l’Ariston. E in finale, ecco quindi trionfo finale di Emma.
In queste ore, pare che Kekko l’abbia duramente accusata di ingratitudine: “vinci il Festival e neanche un grazie. Da oggi ritengo chiusa la collaborazione con te”.

La risposta di Emma è stata quella che ci si aspettava da una vincitrice: “Kekko, Sanremo l’abbiamo vinto in due, è stato solo il trambusto di questi giorni a non consentirmi di ringraziarti sin da subito. Ma una volta riavuto il cellulare, è la prima cosa che ho fatto”.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy