Sfilata SImonetta Ravizza Milano Moda Donna 2012/13 -

Le pellicce di Simonetta Ravizza incantano a Milano Moda Donna

Sfilata SImonetta Ravizza Milano Moda Donna 2012/13 - Pellicce importanti e insieme oltremodo portabili

Sfilata SImonetta Ravizza Milano Moda Donna 2012/13 -

E’ la Scuola Militare Teuile di Via San Luca 3 di Milano a fare da Location per la splendida sfilata di Simonetta Ravizza.

Per il prossimo autunno inverno 2012/13 la Maison scommette su l’haute couture, un esclusivo profumo di tradizione che incontra la tecnologia di ultima generazione.

Pellicce importanti e insieme oltremodo portabili, sogni impalpabili e atemporali, un esercizio di stile duplice, composito e raffinato , un gioco per contrasti e antinomie, una speculare e originale interpretazione estetica condotta soprattutto nel segno autonomo e unificante del nero, contraddetto soltanto da radi tocchi sulla palette dei bianchi.

Un inedito mix di textures ,di linee e consistenze.

La leggerezza delle pelli filettate, come scavate all’interno, peli nobili, visoni, volpi, zibellini, rese aeree e morbide come velluto, che si accosta per opposizione alla dura e contemporanea energia quasi metallica del neoprene, al panno, al tessuto bouclé.

Leggerezza che a sua volta nutre risoluzioni geometriche pure e definite, volumetrie a sacco, a bozzolo, leggermente ovate, tagli magistrali che ricordano i raggiungimenti più alti dell’ age d’or della couture francese e italiana tra gli anni ’50 e i ’60, ma anche la
vocazione astratta dell’arte informale.

Lisa Fonssangrives e Barbarella, bunueliane cadenze sofisticate e bourgeois da Belle de Jour, i Tagli di Lucio Fontana . Un gusto preciso, diverso, che raccorda allure d’antan e uno sguardo fermo e sereno verso il futuro.

Simonetta Ravizza ha creato un total look che, oltre al dessous, si dichiara negli abiti perfetti per un lunch o un dîner en ville, rigorose e aggraziate petite robes nere, ancora nere, seduttive e pratiche, ideale passepartout per la multiforme giornata e le mille sfaccettature di una donna di oggi, dal lavoro alle occasioni sociali.

Poi, i miniabiti in neoprene, sottolineati da dettagli in pelliccia, che ribadiscono al contrario lo stesso concept, il binomio che caratterizza l’intera collezione .

Gli accessori si declinano secondo codici più liberi e con una sfumatura lievemente surrealista . Sono borse in breitschwanz con charms porte-bonheur applicati, bracciali in trecce di pelle e cavallino.

Infine i bijoux, tante croci in particolare, che rammentano le geometrie originarie e la vivacità dei colori Navajo cari a Millicent Rogers, o, ancora, il sensuale neo-baroque ’30 di Fulco di Verdura, fondo aureo con pietre iridescenti e policrome, catalizzatori di luce piena e di bagliori acquei e profondi.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy