La mostra Lo Spirito Vola di Paul Fryer al Gucci Museo

La mostra Lo Spirito Vola di Paul Fryer al Gucci Museo

Apre al Gucci Museo di Firenze, dal 17 Marzo al 4 Settembre 2012 ,la mostra Lo Spirito Vola di Paul Fryer, seconda esposizione d’arte contemporanea di opere appartenenti

La mostra Lo Spirito Vola di Paul Fryer al Gucci Museo

Apre al Gucci Museo di Firenze, dal 17 Marzo al 4 Settembre 2012 ,la mostra Lo Spirito Vola di Paul Fryer, seconda esposizione d’arte contemporanea di opere appartenenti alla Collezione François Pinault. La mostra, curata da Francesca Amfitheatrof, presenta tre riflessioni dell’artista Paul Fryer su temi quali il trascendente, la moralità e la religione; saranno esposte le grandi opere Ophelia, Pietà (l’Impero senza fine) e Ecce Homo.

Paul Fryer crea opere d’arte iconoclastiche che attraversano i confini tra arte e scienza, proprio come le incantevoli e impegnative sculture figurative. Una delle opere più celebri dell’artista è probabilmente La Pietà, una statua in cera raffigurante Cristo seduto su di una sedia elettrica in scala 2/3. La figura di Cristo è senza vita, in una posa classica, la sedia non ha cinghie e l’esecuzione è conclusa. Questa raffigurazione di Cristo in scala ridotta innesca una catena di emozioni che lentamente invadono lo spettatore spingendolo a riflettere sulla condizione umana, dove violenza e dolore, preoccupazione e  compassione coesistono.

Simbolo temibile di vergogna e castigo la croce acquisì solo secoli dopo la morte di Cristo il suo significato attuale divenendo l’emblema diffuso della santità Cristiana. La sedia elettrica, per contro, mantiene nel nostro immaginario tutto il potere e il fascino che la sua brutalità evoca. Raffigurando Cristo sottoposto a questa moderna forma di esecuzione, Paul Fryer riaccende il potere iconografico appartenuto un tempo al Cristo sulla croce.

Nella rappresentazione di Fryer, Ophelia galleggia in una teca di vetro rettangolare. Non ci sono fiori, Ophelia è sola e l’immagine familiare pre-raffaellita è abbandonata, lontana. E’ una ragazza realistica. Le dita del piede sinistro sono leggermente piegate; probabilmente il suo ultimo lieve movimento. I suoi capelli, capelli veri, fluttuano in una vasca di silicone traslucido. Le braccia sono distese a forma di croce. Gli occhi sono aperti e consentono allo spettatore di guardare al loro interno come se fosse invitato ad entrare nel mondo che verrà. Silenziosa e congelata per l’eternità, ha assunto una dimensione quasi spirituale, trascendendo lo status di vittima a cui è più familiarmente associata, sofferente a causa del suo amore ossessivo e irrequieto.

Ecce Homo è una scultura della collezione privata dell’artista. Un uovo nero fluttua al di sopra di un nido di spine, un miracolo sconcertante e intrigante. E’ la gravità a vincere questo misterioso spirito? O ascenderà in dimensioni più elevate, seguendo Cristo e Ophelia?

Spogliata della narrativa revisionistica, la visione di Paul Fryer è quella del realismo assoluto, che abbandona la confusione. E’ un’evocazione delle nostre incertezze e delle nostre ansie. Paul Fryer sfida la mitologia della nostra cultura.

Un documentario sulle opere di Paul Fryer, intitolato “Ascent into the Maelstrom” a cura di Simon Hitchman accompagnerà la mostra.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy