Appuntamento al Gucci Museo di Firenze

Le tue iniziali incise in oro sulla tua borsa Gucci? a Firenze si puo’

Le tue iniziali incise in oro sulla tua borsa Gucci? a Firenze si puo' il prossimo 27 aprile, perchè Gucci è 'forever now'

Appuntamento al Gucci Museo di Firenze

Per tutte le appassionate di Gucci il prossimo appuntamento italiano da mettere in agenda e’ il 27 aprile.

Il Gucci Museo di Firenze ( oltre 1715 mq di superficie su 3 piani) ospiterà un maestro artigiano che personalizzerà i prodotti di pelletteria Gucci, acquistati nell’Icon Store del museo o già di proprietà dei visitatori, attraverso la tecnica dell’embossing, che permette di stampare le iniziali dei clienti in oro, argento o come timbro a fuoco.

Concepito dal Direttore Creativo di Gucci Frida Giannini, il Gucci Museo, inaugurato a settembre 2011 all’interno dello storico Palazzo della Mercanzia, in Piazza della Signoria, è uno spazio vivente che racchiude la filosofia “Forever Now” del marchio. L’esposizione permanente dell’archivio Gucci, preservato e ampliato nel corso degli anni nella sua ricchezza e rilevanza culturale, è affiancata da una serie di installazioni d’arte contemporanea selezionate con il supporto della Fondazione Pinault. Il percorso del museo è inoltre completato dall’Icon Store, il negozio dedicato ai prodotti iconici di Gucci e agli articoli da regalo, da un bookstore e da un Caffè.

Il piano terra ospita il Gucci Caffè, un luogo di incontro che oltre ad accogliere i visitatori del museo è stato pensato come punto di ritrovo per i fiorentini e nuova meta irrinunciabile del centro città, dove è inoltre possibile gustare un variegato menù a base di cibi preparati con ingredienti di produzione locale e biologica. L’adiacente Bookstore offre un vasto elenco di pubblicazioni dedicate agli appassionati di arte, moda, fotografia e architettura, con una selezione accurata di opere d’epoca e contemporanee.

Fino al 4 settembre, questo spazio ospita la mostra Lo Spirito Vola di Paul Fryer. L’esposizione, curata da Francesca Amfitheatrof, presenta le grandi opere Ophelia, Pietà (l’Impero senza fine) e Ecce Homo, tre riflessioni dell’artista Paul Fryer su temi quali il trascendente, la moralità e la religione.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy