Anoressia e Obesità, si puo’ guarire e la televisione affronta il problema

GRASSI CONTRO MAGRI: KIDS - su REAL TIME (Digitale Terrestre Free Canale 31, Sky canali 124, 125 e in HD, Tivùsat Canale 31

In televisione: GRASSI CONTRO MAGRI: KIDS

L’anoressia è l’obesità vengono definite le piaghe sociali del 21esimo secolo. Nel Regno Unito 1 bambino su 6 è affetto da OBESITÀ mentre negli ultimi 10 anni sono raddoppiati i giovanissimi che soffrono di ANORESSIA. Ad affrontare il problema che queste malattie causano soprattutto nei giovani è il programma “GRASSI CONTRO MAGRI: KIDS”, in onda dal 30 aprile, ogni lunedì alle ore 22:10, su REAL TIME (Digitale Terrestre Free Canale 31, Sky canali 124, 125 e in HD, Tivùsat Canale 31). 

La serie mostra cosa accade quando un ragazzo dalla magrezza preoccupante e uno pericolosamente obeso si scambiano la loro anomala dieta quotidiana. Accompagnati da mamma o papà, i due giovanissimi saranno guidati dai preziosi consigli del dottor CHRISTIAN JESSEN e della dietologa URSULA PHILIPOT.

Nel primo episodio di questa nuova stagione completamente dedicata ai “piccoli”, si affronta il grave problema dell’ANORESSIA INFANTILE, patologia che in Inghilterra spesso passa inosservata. Per riflettere sul tema seguiremo la storia di Jess, una ragazzina pelle e ossa, che a causa del suo pessimo, schizzinoso e scarso regime alimentare è arrivata a pesare 41,5 Kg, oltre 10 kg in meno rispetto alla norma.

Il dott. Jessen e la dietologa Philipot in poco tempo dovranno riuscire a modificare l’atteggiamento distorto che i ragazzi hanno nei confronti del cibo, far comprendere loro i rischi di salute che corrono, e mostrare che lo stile di vita che conducono potrebbe rivelarsi fatale. I guru del benessere non risparmieranno nemmeno i genitori, spesso involontariamente responsabili o addirittura complici delle cattive abitudini del figlio: con i loro consigli impareranno a preparare pasti completi e salutari adatti a tutta la famiglia.

Ma come reagiranno i sovrappeso, quando si vedranno ridurre drasticamente l’enorme quantità di cibo a cui sono abituati? Come se la caveranno i sottopeso, di fronte ad insoliti pranzi luculliani e snack ipercalorici? E i genitori riusciranno a supportare i figli in una prova così difficile?

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy