Una Grande famiglia

Finale con suspence per la fiction Una Grande famiglia e i telespettatori protestano

Una Grande famiglia

Finale con suspence per la fiction Una Grande famiglia e i telespettatori protestano.

Una grande famiglia, la fiction di successo targata Rai, lunedì ha chiuso i battenti per ritornare in autunno con la seconda stagione. Ma il finale non è piaciuto ai telespettatori.  Lasciati con il fiato sospeso, con un finale ricco di suspence: la ricomparsa di Edoardo Rengoni, (interpretato da Alessandro Gassman), l’erede dell’azienda di famiglia, dato per morto da quasi tutti i componenti della famiglia dopo l’incidente aereo con i segreti finanziari dell’azienda di famiglia è riapparso vivo e vegeto proprio nell’ultima scena quando era in corso la cena di famiglia per festeggiare la salvezza dell’azienda e della villa. L’azienda salvata dal fallimento grazie ai 20 milioni di euro (dov’erano finiti?) ricomparsi magicamente dopo che Edoardo gli aveva fatto sparire per dei motivi tutt’altro che noti.

Questo finale tipicamente americano detto anche cliffhanger non chiarirebbe il perchè della temporanea scomparsa del personaggio di Gassman, la destinazione dei soldi di Edoardo e il guaio che incomberebbe sulle sue spalle.

Insomma la saga familiare termina con troppi misteri irrisolti, soluzioni che rimandano per forza ad una seconda stagione – già in preparazione e le riprese dovrebbero iniziare in estate – prevista  per il 2013. Un finale forse dettato da successo della fiction che ha incollato al televisore nell’ultima puntata 7milioni di telespettatori, ma che non è stato gradito agli italiani tanto da mandare messaggi di proteste  e segnalazioni all’Osservatorio per la qualità dei programmi tv del Codacons (Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell’Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori).

Il Codacons e l’Associazione Utenti Radiotelevisivi hanno deciso di presentare un esposto all’Antitrust e all’Autorità per le Comunicazioni. Per le due associazioni, infatti, nei confronti del telespettatore esiste un obbligo di buona fede che passa anche dallo sviluppo delle trame narrative, e che deve essere garantito dalle reti televisive. A maggior ragione se si considera che gli utenti pagano un canone alla Rai.

Chissà come andrà a finire? Non solo come si svolgerà il seguito della fiction: cosa ha combinato il figlio più grande, i motivi che lo hanno portato a simulare un incidente e sparire per mesi, lasciando moglie e figli a carico degli anziani genitori, e perchè i Rengoni sono ancora in pericolo. Ma soprattutto sarà interessante scoprire se la fiction Una Grande Famiglia potrebbe risultare addirittura ingannevole, nella misura in cui non fornisce alcuna soluzione ai quesiti avanzati, obbligando pertanto i telespettatori a seguire la seconda serie nella speranza di comprendere i misteri della prima.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy