Austera e spettacolare: la donna la donna di Navarra

Austera e spettacolare: la donna “Blade Runner”.

Un’intenzione dominante di austerità richiama atmosfere futuribili alla “Blade Runner”, creando al contempo uno scenario di linee e costruzioni importanti, spesso enfatizzate, come  vere e proprie architetture per il corpo.

Mentre il lessico del vestire è più che essenziale –  giacca e pantalone; blusa e gonna; abito e nient’altro –  le strutture rivelano interventi attenti, che non di rado mirano ad una spettacolarità scultorea. Un autentico filo conduttore è offerto dalle spalline a pagoda, che segnano blazer e spencer, abiti e cappotti, bluse e maglie. Ma le spalline restano anche quando mancano le maniche, oppure si posizionano sui fianchi, ridefinendo la silhouette. I volumi acquistano ridondanza grazie alle stecche da crinolina che staccano la baschina della giacca dal corpo, gonfiano a jambon la manica – soltanto una – della camicia, costruiscono corpetti cortissimi ma possenti quasi come corazze. Gonne e pantaloni si muovono: le prime si increspano in alto grazie a nodi e drappeggi per arrivare poi diritte e precise al ginocchio; i secondi sono strutturati a petalo con i lembi posteriori riportati davanti a creare ampiezza. 

Il lessico materico parla invece di alchimie e di commistioni. Le lane nelle più classiche  disegnature maschili – dal gessato al Principe di Galles – si prestano alle costruzioni più ardite, alle plissettature a scaglie fissate a caldo. Il gessato ritorna riprodotto a trompe-l’oeil dal velluto e dal lurex. Il feltro è tagliato al vivo, esattamente come il tulle delle bluse più leggere, arricchite intorno alla scollatura da un “piumaggio” in lana tempestato di jais. Il panno è laserato e plissettato, così come il fresco di lana, che crea un effetto intreccio riprodotto nella lavorazione delle maglie. La seta intessuta di fili metallici è mossa a craquelé. L’astrakan si presta a disegnare inserti e profili, ma anche gonne “total fur”. Il mix materico raggiunge l’apice negli abiti in cui si sommano velluto, cadì, georgette, tracciando una sorta di anatomia del corpo. 

E’ severa ed essenziale – e dunque tanto più sofisticata – anche la scansione cromatica che comprende solo poche, assolute tonalità – nero, blu notte, grigio, cammello – spezzate unicamente da sprazzi di bordeaux e da bagliori argentei, frutto di una preziosità da futuro prossimo venturo: le sottili lamine lucenti che, frammiste agli jais ed alle canutiglie, rivestono i capi, ne segnano i profili, creano inserti e decori, disegnano spalline paiono di metallo ma sono in realtà di plastica, derivata dal riciclaggio delle bottiglie.

La duplice anima della collezione – austera e spettacolare – si ritrova negli accessori. Ai caschi guerrieri rivestiti di lamine lucenti si alternano cappelli a cloche sormontati da rose ingigantite e scultoree, in feltro e velluto, sostenute dal filo di ferro. Le cinture – in velluto, lucertola o elastico – sono dei semplici nastri, ma si portano sempre in doppio, uguali per colore, diverse per materia ed altezza.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy