Milano Fashion Week: Terza giornata (1a parte)

Milano Fashion Week: III giornata (1a parte)
di Simona Scacheri

Di sfilata in sfilata la moda milanese continua a sentire forte e chiara la presenza della crisi, un’ombra tristemente costante in ogni collezione e interpretata dai designers nelle più svariate formule: da chi sceglie rigore e austerità a chi reagisce con colore e lusso.

Di prima mattina parte Byblos, brand giovane e solido che trova nel suo direttore creativo Manuel Facchini una creatività vincente. “Il capo che più rappresenta la donna Byblos, ma oserei dire anche il brand Byblos stesso, è proprio questa nuova lavorazione della maglia. Appaiono sui capi delle sorte di piccole piramidi e se a un primo sguardo la donna sembra indossare una corazza, i materiali leggeri quali seta e cachemire rendono la maglia impalpabile”. Così descrive lo stilista la sua creazione più forte dell’AI 2009/2010, e aggiunge: “Ho creato una donna che definirei digitale, che indossa queste maglie tridimensionali mai viste fino ad ora. Ciò nonostante la donna Byblos mantiene fede anche alla sua personalità di sempre: decisa e forte, ma dalla natura romantica e femminile”. Il parterre vede una bellissima Martina Stella sorridente tra le spettatrici vip del defilé. E sulla passerella è di scena uno stile 3D che evoca il mondo dell’aviazione, con colori sobri e delicati dettagli di romanticismo che contrastano le forme rigorose dei capi.

 

Ai piani alti del Milano Fashion Center sfila Ermanno Scervino che afferma: “La crisi va affrontata a colpi di creatività e non certo presentando capi mesti” e affida ad Elisabetta Gregoraci l’ultima uscita del defilé. Il marito, Flavio Briatore, siede in prima fila per assistere allo show.

C’N’C di Costume National sceglie una musica elettronica cantata e suonata dal vivo come sfondo dello show, di suggestivo impatto. Ennio Capasa si ispira alla Plug Generation e presenta dei biker metropolitani “in sella al presente che si lanciano nel futuro come una scintilla”. E la donna di C’N’C inizia la sua passerella presentando prima colori soft: nero e grigio dominano la prima parte della sfilata che sorprende in un secondo tempo con dettagli di colore; blu cina, rosso lacca o purple, colori che sul finale tingono i capi di allegra raffinatezza. La sera di Capasa è sparkling, glitterata e di eleganza futuristica. Volumi eccessivi, cuciture a vista, asimmetrie e tratti sartoriali catapultano lo spettatore nel mondo C’N’C dal quale anche questa volta non si resta delusi. Vivo e chiaro lo sguardo al futuro.

La kermesse arriva ai Big tanto attesi dagli estimatori di tutto il mondo. Giorgio Armani sceglie una donna sexy e chic, che guarda agli anni ’80, ignorando le gerarchie del vestire canonico a favore di una seduzione mai scontata e in continuo movimento. Gianfranco Ferrè affronta il momento economico difficile per l’azienda con la seconda collezione disegnata dagli stilisti Tommaso Aquilano e Roberto Rimondi che portano sulla passerella una donna dalle sfumature dark, molto sofisticata.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy