Un immaginario electro-chic per Paola Frani

Una donna illuminata da dettagli metallici che scorrono sui tessuti come brillanti interferenze su una base musicale dal ritmo unconventional.
Effetti speciali: le zip di catena mixata come circuiti elettrici ad alto potenziale seduttivo sottolineano i tagli di giacche, camicie e scarpe stringate. Catalizzatori d’energia anche le borchie, le barrette, le paillettes e i cristalli.
La rosa, simbolo del perenne movimento della vita, è il refrain decorativo dei bijoux e delle fibbie, delle scarpe, dei ricami e della maglieria jaquard in cui brilla e si scompone. E come nelle opere della video artist Pipilotti Rist, a cui si ispira la stampa rosa vibrante specchiata, viene sottoposta a un processo
di astrazione.
Un tocco maschile cortocircuita nel glamour femminile degli Shining Eighties, ed ecco le linee guida della collezione: panta con piences, gonne a vita alta, e giacchine spencer in tessuto spinato lamé/seta nero. Seguono abiti con spalline e vita segnata, in tessuto goffrato come le gonne strette.
Poi casacche e bolero in pelliccia lurex grigio e bronzo lavorata con seta stretch. Ancora bolero, microabiti e abiti lunghi percorsi da geometrie micro-paillettate. La maglia di metallo è applicata su tute in jersey e abiti stretti, altrimenti impreziositi da frange metalliche effetto degradé. Tute e abiti lunghi in jersey di velluto sono attraversate da decorazioni metalliche.
Immancabile il camoscio e la nappa: il primo viene usato nei toni nero e tortora per panta con piences, o plissettato per gonne aderenti a vita alta; la seconda diventa impalpabile negli abiti con borchiette che disegnano rose pixelate, così come nelle gonne con punto vita drappeggiato.
Ringiovanisce il classico tailleur grazie a microgiacche e pantaloni stretti alla caviglia in consistente ma fluido cady di seta. Mentre la lavorazione particolarissima del mohair soft trasforma cardigankimono, abiti e maglioncini con applicazioni di rose-placche specchiate.
La palette cromatica mischia note emergenti quali il turchese e il verde pavone, con il nero, il rosso mirtillo e il blu notte. Poi s’illumina con tocchi di bronzo, d’oro e d’argento nei toni bruniti.
Tra i must have della collezione, la cintura fusciacca con microborchie degradé; ancora rose metalliche, ma piegate a creare bracciali ai polsi; la decolletté dallo scollo anatomico con rosa metallica tridimensionale e tacco torchon

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Ti potrebbero interessare…

Le sfilate del 24 settembre

Le sfilate del 24 settembre 2017

Sfilate Moda Donna Milano del 24 settembre, si alternano le firme più prestigiose e le modelle più belle ma l’attenzione è, ovviamente, tutta per i vestiti.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy