Agnes Spaak: "Le Rêve dans un Rêve"

Mostre: ‘Le Rêve dans un Rêve, ben 22 fotografie di Agnes Spaak

Mostre Milano - Darko Labor e Agnes Spaak - uniti dalla comune passione per la realtà colta attraverso due visioni differenti ma oniriche.

Agnes Spaak: "Le Rêve dans un Rêve"Sarà Milano ad ospitare la prossima mostra dell’ Artista Agnes Spaak: “Le Rêve dans un Rêve”, un appuntamento sponsorizzato dalla Provincia di Milano.

Alla Mostra, che aprirà il prossimo 19 ottobre presso Palazzo Isimbardi, saranno presenti l’Onorevole Guido Podestà, Presidente della Provincia di Milano, e Silvia Guarnero, Assessore Moda Eventi Expo della Provincia di Milano.

“Le rêve dans un rêve” a cura di Stefania Morici e Federico Poletti vede per la prima volta raccolte insieme 22 fotografie dell’artista, alcune delle quali inedite e realizzate per l’occasione.

“Si tratta di un’esposizione, a ingresso gratuito, che attesta la nostra attenzione verso la cultura e le arti, che fanno della nostra sede uno spazio permanente a disposizione dei milanesi – ha dichiarato il Presidente On. Guido Podestà -. Questa mostra fotografica firmata Agnès Spaak, attrice e fotografa francese, dimostra, infatti, ancora una volta, la volontà della Provincia di Milano di aprire, ai cittadini, le porte di Palazzo Isimbardi. Unatendenza che ci ha consentito di ospitare le migliori performance di artisti
del calibro di Agnès”.
Agnes Spaak: "Le Rêve dans un Rêve"

Questa prima personale milanese dedicata al lavoro di Agnes Spaak intende mostrare come i confini espressivi della fotografia possano essere spinti oltre la definizione di un genere o di una categoria estetica, verso una ricerca sperimentale e inimmaginabile.

All’interno della mostra Agnes Spaak ospiterà inoltre una serie di fotografie realizzate da Darko Labor, che debutta per la prima volta in Italia.
La sua ricerca documentaristica si concentra sulle persone che incontra per le strade di Zagabria e di altre città croate e italiane.

Dapprima diventa molto popolare su Instagram, per poi passare alla fotografia in digitale, rigorosamente in bianco e nero.

Tra i suoi soggetti preferiti, le persone anziane, soprattutto signore, che lui chiama “le mie rose” e che fotografa nei dettagli dei loro volti segnati dal tempo e dalle sfide che hanno affrontato in tutti i loro anni di vita.

Fiere di mostrarsi in tutta la loro naturalezza al suo obiettivo.

Due percorsi – quello di Darko Labor e Agnes Spaak – uniti dalla comune passione per la realtà colta attraverso due visioni differenti: una onirica, quella della Spaak, l’altra, quella di Labor, realista, ma capaci entrambe di trascendere l’“Hic et Nunc”.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy