MI Milano prêt à porter presentato oggi a Milano

MI Milano prêt à porter è la nuova concezione della rassegna fieristica in scena al Portello – Fiera Milano City che “raccoglie” idealmente l’eredità quarantennale di MilanoVendeModa proiettandola verso il futuro.
Sono tante e significative le novità di questo appuntamento dal respiro internazionale, in primo luogo la possibilità da parte del pubblico di fruire di alcuni momenti ed occasioni aperti alla città e dedicati all’arte, alla cultura, al food e al design.
Rendendo omaggio ai quaranta anni di moda, la prima edizione di MI Milano prêt à porter, a settembre, includerà una retrospettiva dedicata all’eleganza “made in Italy” dal 1969 al 2009.

MODA A MILANO: LA VITA COMINCIA A QUARANT’ANNI

Il nuovo appuntamento con la moda si chiama MI Milano prêt-à-porter. 
Si dice che la vita cominci a quarant’anni. Anche per le fiere di moda. E a settembre, dal 25 al 28, l’appuntamento centrale del fashion al femminile ne darà una dimostrazione concreta, presentando una serie di innovazioni che, a partire dal nome, investono tutti gli aspetti della manifestazione.

Quarant’anni dalla prima edizione del 1969: il momento giusto per capitalizzare una storia di stile che ha attraversato epoche e stagioni, guadagnando, di edizione in edizione, sempre più esperienza espositiva , organizzativa e di contenuti.
All’evoluzione del settore deve peraltro corrispondere un modello espositivo fortemente improntato alla novità.
Il primo passo sta nel cambiamento del nome, primo segnale dell’opera di rinnovamento: MI Milano prêt-à-porter prende il posto dello storico MilanoVendeModa, indossando un abito su misura, nuovo nei contenuti, inedito nell’estetica del logo e nell’ambientazione del portello di fieramilanocity.
MI Milano prêt-à-porter: MI è il simbolo di Milano, città della moda per definizione, ma è anche un pronome personale per declinare parole come portaMI, segnaMI, ricordaMI che saranno protagoniste della nuova campagna pubblicitaria. Un invito a quanti visiteranno la fiera perché vivano l’appuntamento milanese da protagonisti e non da semplici  spettatori.

L’Italia, e più specificamente Milano, sono divenuti nel mondo sinonimo di design e innovazione, di stile e di lusso ed il Made in Italy  non è più solo un modo per contraddistinguere tutto ciò che è fatto in Italia, ma addirittura una sorta di marchio . Ed è questo che sarà MI Milano prêt-à-porter.
“Expocts ha varato un importante piano di investimenti dedicato alla moda” – dichiara Adalberto Corsi, Presidente di Expocts – “per permettere ad aziende e buyer di cogliere le opportunità intercettando i segnali della ripresa”.
“Stiamo approntando una manifestazione che vuole essere sinonimo di stile e vestibilità che saranno caratteristiche imprescindibili delle aziende che sceglieranno di esporre con noi” afferma Corrado Peraboni, amministratore delegato di Fiera Milano Expocts. “In momenti di incertezza come questi, il ruolo delle fiere si è ampliato al punto tale che le manifestazioni devono essere in grado di intercettare e decifrare i cambiamenti in anticipo in modo da indicare alle aziende il giusto percorso da seguire. MI Milano prêt-à-porter vuole fare proprio questo: tracciare un cammino vincente per le aziende che crederanno nel nostro progetto”.

E in contemporanea un evento dedicato al Fast Fashion

Fiera Milano Expocts vuole fare ancora di più: vuole essere proattiva nel consolidare la posizione di Milano come leader mondiale nel sistema moda. Per raggiungere questo obiettivo lancerà negli stessi giorni al portello di fieramilanocity, N.O.W. Fashion Exhibition, un progetto curato da M. Seventy  una piattaforma dedicata alle aziende che presentano collezioni uomo, donna accessori  con un elevato contenuto moda capaci di offrire consegne rapide, proposte interstagionali, capsule stagionali e riassortimenti. 

La concomitanza di queste due manifestazioni darà vita a un momento espositivo di grande rilievo in grado di andare incontro alle richieste dei più esigenti buyer della moda presentando un’offerta merceologica completa.

MI Milano prêt-à-porter, quarant’anni di esperienza, un futuro di novità d’eccellenza :
MI Milano prêt-à-porter
25/28 Settembre 2009
Portello -Fiera Milano City, Milano

Dopo 40 anni MilanoVendeModa cambia nome, forma, immagine. E diventa MI Milano prêt-à-porter.

1969: in parallelo alle prime affermazioni  del prêt-à-porter italiano, nasce MilanoVendeModa, per iniziativa di un piccolo gruppo di buyers ed agenti che per primi si rendono artefici di un progetto che “fa sistema”, per promuovere, diffondere e sostenere la nuova moda pronta “Made in Italy”.

2009: MilanoVendeModa cambia  nome, sostanza, natura, anima ed anche location (Il  Portello di FieraMilanoCity), senza per questo tradire il suo percorso. Evoluzione quindi, più che rivoluzione. Al passo con i tempi diventa MI Milano prêt-à-porter.

Interazione e trasversalità: le valenze che guidano e determinano il cambiamento.

Si evolve il concetto espositivo. Non più rigidamente diviso in categorie, ormai superate. Il prodotto –  pur  selezionato secondo logiche attente di innovazione e di ricerca, di affidabilità e di validità – verrà proposto secondo un percorso comprensibile con immediatezza. Le  diverse tipologie – capospalla, maglieria, accessori, abbigliamento formale e casual  –  a MI Milano prêt-à-porter “vivranno” le une accanto alle altre rendendo più facile ed immediata l’interazione da parte dei buyers e degli addetti ai lavori.

Interscambio: moda, costume e cultura  come nuova frontiera della comunicazione globale
.

La manifestazione sarà uno spazio anche per la città, una dimensione di confronto, aperta a tutti. Nuovi linguaggi tutti rigorosamente Made in Italy: Design, Arte, Moda e Food, in una  logica di interazione, trasversalità e lifestyle. E tutto accessibile anche da parte dei non addetti ai lavori. Sfilate, ma anche esposizioni, eventi, proiezioni video, momenti di spettacolo, performance multimediali e aree dedicate alla lettura trasformeranno MI Milano prêt-à-porter in un’entità pulsante, vivente, capace di percepire e far proprio il ritmo della vita di oggi e le dinamiche del nostro tempo.

Tendenza: per le aree New Designer, Scouting, Next Trend.

L’Area Tendenza racconterà attraverso dei video i trend delle prossime stagioni  costituendo il primo nucleo di una serie di servizi che sorgeranno in futuro, diretti sia agli espositori che ai compratori. Ma anche il Bookstore, spazio dedicato alla carta stampata con libri fotografici, magazine, strumenti fondamentali dell’universo moda. E tra le aree più innovative anche quella Scouting, dove i migliori talenti delle scuole di fashion design milanesi esporranno i loro book per permettere così alle aziende o agli uffici stile di trovare nuova linfa creativa.

DA MILANOVENDEMODA A  MI MILANO PRET A PORTER: 40 ANNI DI STILE ITALIANO.
IL NUOVO MILLENNIO: MILANOVENDEMODA DIVENTA MI MILANO PRET A PORTER.

Il made in Italy è alle soglie della svolta millenaria. A cavallo di questo passaggio, spaventate dal Millenium Bug, molte maison si fonderanno nei poli del lusso internazionali, coniugando la moda alla finanza e trasformando le griffe in multinazionali. Nel 2003, finita l’esperienza unitaria di MoMi-Modamilano,  Modit e MilanoVendeModa tornano ad essere manifestazioni individuali. Il resto è storia dei più recenti anni 2000, che al termine del primo decennio registrano la rifondazione di MilanoVendeModa in MI Milano prêt-à-porter.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy