SFILATE

Cerca
Close this search box.

Biennale: la pittrice italo-ucraina vince il Nobel per l’arte

Montecarlo Arte: Riconoscimento prestigioso alla pittrice italo-ucraina Nobel dell’Arte.Le sue opere fanno parte di importanti collezioni private.

 il Nobel dell'Arte  a MontecarloC’e’ anche una donna, una bellissima donna, tra gli artisti premiati a Montecarlo con il premio il Nobel dell’Arte.

Nell’Hotel de Paris, in Place du Casino, a Montecarlo le opere sono state esposte in sala Debussy davanti giuria d’eccezione per l’edizione 2012 del premio biennale, conferito a nomi emergenti del panorama artistico internazionale.

Natali Grunska si è fatta conoscere dal pubblico con la body art e apprezzare dalla critica con la sua pittura informale. Ucraina di nascita ma lombarda d’adozione, Natali è oggi tra gli artisti emergenti più rappresentativi, con esposizioni e performance in tutto il mondo, da New York a Kiev, da Lugano a Parigi, passando per Roma, Milano e Palermo.

 il Nobel dell'Arte  a MontecarloNatali Grunska vive e lavora a Origgio, piccolo centro industriale alle porte di Milano e proprio nell’hinterland del capoluogo ha sviluppato alcuni dei suoi progetti più importanti, dalla body-art all’arteterapia negli ospedali, senza abbandonare però la passione per la pittura tradizionale. “Quando, da giovanissima, ho lasciato il mio Paese sapevo che l’Italia mi avrebbe aiutato a realizzare un grande sogno – confida Natali – e oggi, passo dopo passo, il desiderio iniziale prende forma. Sono soddisfatta di aver raggiunto questo nuovo importante traguardo”.

Presidente di commissione al Nobel dell’Arte Gerard Argelier, critico d’arte da Nizza. Al suo fianco ospiti internazionali del calibro di George Pali, direttore della GR Gallery di New York; Maurizio Gnali, direttore della Galleria “Gnali Arte” di Brescia; Eraldo Vinciguerra, gallerista di Genova; Francesco Chetta direttore della casa editrice Effeci Edizioni d’Arte e Marta Passos dal Brasile. A presentare l’evento la direttrice di Artexpò Gallery, Mariarosaria Belgiovine.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Ti potrebbero interessare…

Gestione cookie