Lindsay Lohan arrestata per rissa

Lindsay Lohan arrestata per rissa…Oops! I did it again

Lindsay Lohan arrestata per rissa al concerto di Justin Bieber. Pare che a scatenare l'attrice sia stata la gelosia per il musicista Max George

Lindsay Lohan non finisce mai stupire. Ma più che per il suo talento di attrice (probabilmente andato perduto in qualche centro di rehab, viste le critiche poco lusinghiere sulla sua ultima interpretazione di Liz Taylor nel film ‘Liz and Dick’), Lilo sorprende per la sua capacità di cacciarsi sempre nei guai. Mercoledì notte Lindsay è stata arrestata dalla polizia per rissa.

La sua serata inizia in modo tranquillo al concerto di Justin Bieber, dopo lo show la Lohan decide di terminare la serata al Club Avenue di New York, ed è qui che iniziano i problemi.

I soliti bene informati assicurano che la vodka scorre a fiumi al tavolo dell’attrice, quando la vedono perdere improvvisamente il controllo e scagliarsi contro Tiffany Mitchell. Pare che a scatenare l’attrice sia stata la gelosia, le due ragazze, infatti si contendevano le attenzioni del musicista Max George, ma quando Lindsay ha visto i due parlare fitto fitto non ci ha più visto e ha alzato le mani sulla rivale in amore.

Immediato l’arrivo della polizia che ha beccato Lindsay Lohan proprio mentre stava tentando di fuggire in auto. Questo è il secondo arresto nel giro di due mesi e potrebbe costarle addirittura la revoca della libertà condizionata. Lindsay sembra essere lontana più che mai dal risolvere i suoi problemi e il circo mediatico di critiche feroci e disapprovazione che imprese del genere scatenano, non aiuta certo la star a ritrovare un equilibrio.

Questo il laconico Twit di Gavin Doyle, l’assistente di Lindsay Lohan, a commentare l’accaduto:” Ieri sera ti ho tirato fuori dalla cella, ora prego e spero che tu cercherai l’aiuto di cui hai disperatamente bisogno… facciamo tutti il tifo per te. La vita non è come nei film, è una realtà che prima o poi dovrai affrontare”. Più chiaro di così!

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy