Mostra del Cinema: Sam Taylor Wood nella Giuria del Premio Venezia

La Biennale di Venezia /66. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica.
Haile Gerima (presidente) affiancato da Ramin Bahrani, Gianni Di Gregorio, Antoine Fuqua e Sam Taylor Wood nella Giuria del Premio Venezia Opera Prima .

Sono stati definiti i componenti della Giuria internazionale del Premio Venezia Opera Prima della 66. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (2–12 settembre 2009), presieduta – come già annunciato in precedenza – dal regista etiope (e statunitense) Haile Gerima, figura guida del cinema africano e "padre fondatore" di quello indipendente afro-americano,  autore del film africano più premiato nella storia, Teza, Premio Speciale della Giuria all’ultima Mostra di Venezia.

Affiancheranno il maestro Gerima nella Giuria del Premio Venezia Opera Prima: il cineasta di origini iraniane (ma nato e cresciuto negli Usa) Ramin Bahrani, autore del film rivelazione della sezione Orizzonti della scorsa Mostra di Venezia, Goodbye Solo, vincitore del premio Fipresci; il regista e sceneggiatore italiano Gianni Di Gregorio, trionfatore lo scorso anno a Venezia del Premio Opera Prima con Pranzo di Ferragosto; il regista statunitense Antoine Fuqua, già protagonista alla Mostra nel 2001 con Training Day; l’artista britannico Sam Taylor Wood, uno dei massimi esponenti della “New British Art”, e vincitore del premio come migliore artista esordiente alla Biennale Arte del 1997.

La 66. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (2 – 12 settembre 2009) è diretta da Marco Müller e organizzata dalla Biennale di Venezia, presieduta da Paolo Baratta.

La Giuria del Premio Venezia Opera Prima assegnerà senza possibilità di ex-aequo, fra tutte le opere prime di lungometraggio presenti nelle diverse sezioni della Mostra, il Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima (Luigi De Laurentiis), nonché un premio di 100.000 USD, messi a disposizione da Filmauro, che saranno suddivisi in parti uguali tra il regista e il produttore.

Negli ultimi anni si sono aggiudicati il Premio: Viaggio alla Mecca (Le grand voyage) di Ismael Ferroukhi (2004), 13 – Tzameti di Gela Babluani (2005), Khadak di Peter Brosens e Jessica Woodworth (2006), La zona di Rodrigo Plá (2007), Pranzo di Ferragosto di Gianni Di Gregorio (2008).
 

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy