Emma Marrone - le foto

Emma Marrone ed i segreti del nuovo serale di Amici

Emma Marrone: Non mi sento dall'altra parte, è come se avessi la tuta bianca dei ragazzi.La cantante racconta i segreti del nuovo serale di "Amici"

Emma Marrone: Non mi sento dall’altra parte, è come se avessi la tuta bianca dei ragazzi
La cantante racconta i segreti del nuovo serale di “Amici” in onda dal 6 aprile
Di Raffaella Ponzo

Mancano pochissimi giorni al serale e i due direttori artistici Emma Marrone e Miguel Bosè sono sempre più entusiasti: “Siamo pazzi di Maria De Filippi”, dicono.

Il 6 aprile su Canale 5 partirà ufficialmente il serale, per un totale di 9 puntate. Il cantante spagnolo guiderà la squadra Blu, e la bionda Emma quella dei Bianchi. Al settimanale “Tv Sorrisi e Canzoni” si raccontano in esclusiva: “Ci esibiremo sul palco, magari in duetto. E coinvolgeremo pure Maria”.

Emma afferma che la De Filippi è stata una pazza a sceglierla: “Io ogni volta le chiedo ‘Sei sempre convinta? Guarda che puoi ancora trovare qualcun altro?’. Ha molta stima di me e questa cosa mi rende orgogliosissima. Io so di poterle dare ancora tanto”.

Quanto al rapporto con Miguel, la Marrone sottolinea: “Non lo conosco bene, siamo un po’ all’opposto, trent’anni di carriera contro tre anni di prime esperienze..”. E Bosé replica dicendo che non farà cantare i suoi pezzi “ma canterò con loro, con Emma, con Maria…”.

Sul modo in cui gestirà i rapporti con i ragazzi, Emma sembra ancora molto coinvolta come alunna: “Io non mi sento dall’altra parte, è come se avessi la tuta bianca dei miei ragazzi, non sarò né direttore né giudice. Anzi sarò sottoposta un doppio giudizio perché, se i ragazzi non faranno bene, qualcosa sarà per colpa mia. Io sono per i rapporti paritari, il che non significa che se ci saranno delle cose che non andranno bene non li bacchetterò. Un po’ di esperienza l’ho fatta”. Sul gioco di gruppo e sulle ragioni di una vittoria conclude: “Sicuramente il vincitore è uno ma lo spirito di squadra è fondamentale. Perché le squadre sono due. Un po’ di sano altruismo rende la tua squadra più forte e così in tanti arrivano alla fine. Ognuno di noi ha un destino, io credo sempre che ci sia un predestinato. Però è necessario avere passione, tenere duro, mettere cura e rispetto in ogni cosa”.

I talent piacciono anche al sempre bello Miguel: “Tutto quello che riguarda la musica è salutare, premi, festival, concerti. Visto che oggi le case discografiche non hanno più soldi…”.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Ti potrebbero interessare…

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy