Pulita e sofisticata al tempo stesso, parliamo della terza collezione di scatole  dal sapore “eccentrico ma chic” create da Bottega Veneta in collaborazione con la famosa artista Nancy Lorenz per questa 52esima edizione del Salone del Mobile.

Il set di 25 scatole in pelle e camoscio, dal titolo “Skies and Beyond”, fa seguito alla collezione “Lunar Landscapes” (2003) e alla raccolta “Botanical” (2002).

Le scatole, una limited edition di pezzi unici, firmati e numerati, sono esposte in una mostra speciale all’interno della boutique Bottega Veneta.

Nancy Lorenz è un’artista di successo che unisce una profonda conoscenza dell’astrazione del dopoguerra al rispetto per il mestiere e i materiali dell’arte asiatica tradizionale.

Una vita in continuo movimento, oggi di casa a New York, ma ha vissuto a Tokyo per cinque anni, dove ha assimilato l’idea che i materiali di lusso, come gli intarsi di madreperla, lacca e foglia d’oro, possono essere utilizzati in modo pittorico.

Il suo lavoro confonde la distinzione tra arte fine e decorativa. Laureata presso l’Università del Michigan e la Scuola d’Arte Tyler, la Lorenz è stata insignita con il prestigioso John Simon Guggenheim Memorial Foundation Fellowship nel 1998, e ha partecipato al programma “Cill Rialaig artist in residence” in Irlanda, ogni due anni dal 2008. L’artista ha anche esposto all’interno di numerose collezioni pubbliche e private e ha presentato mostre personali in tutto il mondo.

Queste scatole, meravigliosamente eccentriche,  sono pezzi d’arte esclusivi e al tempo stesso oggetti funzionali che possono essere utilizzati per contenere lettere, foto, gioielli e tutti i piccoli tesori che si desidera avere a portata di mano.

Le dimensioni?  Le scatole misurano 28 x 20 x 10.5 centimetri con il coperchio e sono costruite in legno e rivestite in pelle o camoscio.

Ogni coperchio è un notevole “tour de force”; alcuni sono impreziositi da intricati intarsi di madreperla, meticolosamente lavorata strato dopo strato facendo emergere intenzionalmente crepe e segni accidentali di vari materiali rari, e rifiniti poi in una superficie solida e brillante.

I materiali utilizzati per creare “Skyes and Beyond” includono, tra gli altri, l’argento, l’oro bianco, l’argento annerito, il palladio, il caplain e la foglia d’oro.

I risultati sono luminosi, misterios amente belli e irresistibilmente tattili.

Categorie: Casa Tag: , , .

Articolo pubblicato da
in data: