Reese Witherspoon

Reese Witherspoon in manette: ‘Lei non sa chi sono io!’

Reese Witherspoon in manette. Gli agenti la riconoscono, ma naturalmente se ne infischiano dei suoi premi Oscar e Golden Globe vari

Un’altra stella di Hollywood cade nella scandalo di un arresto con tanto di foto segnaletica. Questa volta è l’angelica Reese Witherspoon a finire in manette e… sulle pagine di tutti i tabloid della rete!

L’azione si svolge ad Atlanta, dove Reese sta ultimando le riprese del suo ultimo film “The good lie”; ma questa volta la scena si svolge fuori dal set e non ci sono le telecamere a riprendere.

Sabato notte una volante della polizia ferma il veicolo sul quale l’attrice sta viaggiando a velocità sostenuta assieme al manager/marito Jim Toth.

Gli agenti beccano Toth al volante in evidente stato di ebbrezza, ma i problemi veri li crea Reese Whiterspoon che vuole evitare a tutti i costi l’alcol test al marito e, sebbene intimata dai poliziotti a rimanere nella macchina, se ne schizza fuori e inizia una lunga serie di improperi conditi dall’inevitabile “ lei non sa chi sono io!”

Gli agenti la riconoscono, ma naturalmente se ne infischiano dei suoi premi Oscar e Golden Globe vari,  procedendo all’arresto dell’infuocata attrice americana e consorte. La coppia è stata rilasciata la notte stessa su cauzione, in settimana ci sarà il processo, nel frattempo solo una secca dichiarazione da parte di Reese Whiterspoon: “Avevo evidentemente bevuto qualche drink di troppo e sono molto imbarazzata per quanto accaduto… la situazione in cui ci siamo trovati ha spaventato sia me che mio marito, ma non abbiamo scusanti. Ho mancato di rispetto agli agenti che stavano facendo il loro lavoro e mi scuso profondamente per quel che ho fatto. ”

L’incidente di sabato notte non ha impedito a Reese di apparire ieri sul red carpet alla premiere di New York del suo film “Mud”; impeccabile al fianco del co-protagonista Matthew McConaughey, si è rifiutata di rilasciare ulteriori dichiarazioni sull’accaduto, che abbia imparato che il silenzio a volte è d’oro?

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy