Michael Jackson ha abusato di me per 7 anni.” Lo ha confessato ieri Wade Robson nel corso di un’intervista shock all’emittente americana Nbc.

La rivelazione pesa come un macigno sul ricordo di Michael Jackson. A quattro anni dalla sua morte sembrano moltiplicarsi le accuse di molestie sessuali su minori da parte dell’idolo di milioni di persone nel mondo.

Oggi Wade Robson è un apprezzato coreografo, all’epoca dei fatti aveva appena sette anni ed era considerato un enfant prodige della danza. Le presunte molestie sessuali da parte di Michael Jackson si protrassero fino al 14esimo anno di età di Wade, un incubo durato 7 anni che – a detta della vittima – ha segnato la sua personalità in modo indelebile. Al punto che durante il clamoroso processo che Jackson subì nel 2005 per abusi sessuali su un ragazzino minorenne, Wade Robson, chiamato a testimoniare, non riuscì a condannare il suo aguzzino negando ogni forma di violenza sessuale.

“Non è che oggi mi sono svegliato e ho ricordato tutto quello che ho dovuto subire. I ricordi sono sempre rimasti vivi dentro di me – racconta Robson davanti alle telecamere del Today Show – Michael Jackson ha compiuto atti sessuali su di me e io sono stato costretto da lui a ricambiare. Non potrò mai dimenticare quello che Michael mi ha fatto, è solo che all’epoca del processo non ero psicologicamente ed emotivamente pronto a parlare… Oggi ho un figlio di due anni, è stato lui che mi ha fatto prendere coscienza dei fatti e mi ha indotto finalmente a raccontare la verità.”

Le affermazioni di Wade Robson sono al vaglio degli inquirenti, ma per il momento trattasi di accuse tutte da confermare e verificare. Gli avvocati del cantante, scomparso nel 2009, giudicano il comportamento di Robson ‘scandaloso e patetico’.

Categorie: Gossip.

Articolo pubblicato da
Ultimo aggiornamento: