Alberto Guardiani e Wallpaper*

Alberto Guardiani e Wallpaper*:l’installazione a Londra per Selfridges

Alberto Guardiani ed il magazine internazionale di design Wallpaper*, questa estate hanno unito le forze per una installazione nello store di Selfridges.

Alberto Guardiani ed  il magazine internazionale di design Wallpaper*, questa estate hanno unito le forze per una speciale installazione nel celebre departement store londinese Selfridges.

L’installazione metterà in mostra la capsule collection di calzature che i due brand hanno lanciato insieme.

Progettata dall’editor-at-large di Wallpaper* Leila Latchin, trae ispirazione da una serie di filmati che documentano la collaborazione tra Wallpaper*, Alberto Guardiani, Thom Sweeney e Revenge is Sweet.

“Volevo che lo spettatore vedesse la lavorazione artigianale, i materiali e gli strumenti utilizzati dalla data dall’inizio del progetto fino alla scarpa finita, per apprezzare i processi coinvolti nella creazione di un prodotto fatto a mano”, dice Latchin.

Suddiviso in due spazi diversi, uno per la capsule collection Wallpaper* e uno per i “must-have” della stagione autunno-inverno 2013/14 di Alberto Guardiani, ispirati a un mood romantic-rock in uno stile urban con costruzioni ibride e un’impronta formale, l’istallazione è collegata visivamente attraverso un tema di negativo e positivo, dove le due parti si rispecchiano l’un l’altro simmetricamente.

Per quanto riguarda la capsule collection ideata con Wallpaper*, il filo conduttore è sempre un grande equilibrio tra artigianalità e passione italiana per il dettaglio e l’innovazione, per la realizzazione di prodotti sofisticati e contemporanei.

“La capsule collection richiedeva un set-up che proteggesse le calzature, che potessero essere più ammirate che toccate”, spiega Latchin. “Ho preso ispirazione dalle vetrinette che sono tradizionalmente usate nei musei, aggiungendo una più particolare inclinazione e rotazione per dare un aspetto più contemporaneo.

La collezione Autunno-Inverno di Alberto Guardiani nella seconda parte richiamava invece una presentazione più aperta, da tenere fra le mani e ammirare, quindi è conseguente alla prima per invertirne la progettazione, in cui le scarpe sono posizionate su una serie di cubi solidi aperti “.

Scopri tutti gli appuntamenti piu’ entusiasmanti su Sfilate.it

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy