Un aristocratico russo per Carlo Pignatelli Outside

Un aristocratico russo nella sua vecchia e decadente residenza in campagna.

Una collezione calda, confortevole, forte nella densità dei  colori e nel pregio dei tessuti. Il panorama ideale entro cui nasce l’ispirazione è la sterminata campagna della Grande Madre Russia dei racconti epici di Pasternak, con gli aristocratici che ritornano alle loro dimore abbandonate, sontuose e un po’ decadenti. Se il Dottor Zivago è testimone di uno straordinario cambiamento epocale, l’uomo Carlo Pignatelli Outside per l’Autunno/Inverno 2010/2011 si fa interprete di una svolta di costume, che ha il suo leit motiv nella ricerca di una eleganza sobria e calibrata.

Cappotto e montgomery diventano i must di stagione.
I capospalla in montone e panno schiacciato si fanno ampi, oversized, per affrontare il gelo delle steppe; le spalle sono importanti, i dettagli rubati dalle divise della Prima Guerra Mondiale.
Non può mancare la sciarpa, accessorio che non solo protegge e decora il collo, ma che sa diventare copricapo, fusciacca, modulata in tessuti e colori differenti.

Artigianalità e sartorialità sono i veri must. Espressi innanzitutto negli accessori: guanti in nappa, ombrelli bordati di piume, copricapi in pelliccia e in feltro, ghette in vitello da cosacco. Non meno che negli abiti, rifiniti con  fettucce, gros grain, bottoni in corno e metallo sulle giacche chiuse alte sul collo, a proteggere dal freddo e ad accentuare rigore.

Il pregio e la valenza dei tessuti è frutto di sapenti alchimie che mischiano fibre nobili e texture tecniche, lane spalmate con finissaggi speciali antivento e antigoccia; il cachemire è laminato e doppiato di nappa lavata; qua e là si scorgono decorazioni che ricordano carte da parati d’antan…

I colori appartengono alla terra, a quella terra: verde – dal bottiglia, al salvia, al ginepro; marrone che sfuma nell’ambra, nel bruciato, nel cioccolato; nero che trascolora nel carbone, nel grigio, nell’antracite, nel torba

Una traccia irresistibile di vitalità si coglie  in un eclettismo di stili che rimanda ai Seventies, e al flower power di “Sergeant Pepper Lonely Hearts” dei Beatles: mix up di colori classici e naturali con nuances accese come il verde erba, il senape, il bordeaux, con accostamenti azzardati ma avvincente.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy