Al via MI Milano Prêt-à-porter

Giunta alla seconda edizione, MI Milano Prêt-à-porter, organizzata da Fiera Milano Rassegne, rinnova le caratteristiche sperimentate con successo in occasione della “prima volta”, lo scorso settembre, con un’area dedicata all’avanguardia e un concept che si concretizza come  laboratorio di idee e determinante punto di riferimento per i prossimi trend. In più, un riconoscimento internazionale per la qualità e la certificazione delle presenze.

MI Milano prêt-à-porter si appresta dunque a fare il bis con alle spalle un debutto di tutto rispetto a partire dalla certificazione di Ufi, associazione internazionale che riunisce i maggiori operatori fieristici e che ha conferito alla rassegna milanese la “approved quality label” grazie al fatto di essere l’ unica rassegna a godere di dati ufficiali sulle presenze attestati da un ente super partes. La certificazione Ufi è stata conferita a MI Milano Prêt-à-Porter a Zagabria, nel corso del 76° congresso dell’associazione e rappresenta per Fiera Milano Rassegne un significativo e prestigioso riconoscimento.

La manifestazione che nella passata edizione ha ospitato con successo una capsula di talenti provenienti da Who’s On Next e numerose collezioni di nicchia accanto ad un’offerta più tradizionale, conferma la propria vocazione alla qualità apprestandosi ad aprire i battenti il prossimo 26 febbraio e  portando sotto i riflettori oltre 200 collezioni per l’autunno-inverno 2010-11: l’intento è sempre quello di vincere facendo appello alla selezione di marchi dalla personalità forte.

Da un lato, un gruppo di brand emergenti, attinti dal patrimonio dei giovani creativi sullo scenario italiano e mondiale, dall’altro aziende ben affermate del settore che propongono qualità delle materie prime e della manifattura. Il fine è portare il meglio dell’offerta senza tradire la mission della vendibilità e della sintonia con le logiche di mercato. Continua dunque l’attività di scouting di giovani talenti cui MI Milano Pret à Porter potrà dare grande rilievo. 

Il binomio Milano-moda corre così sui binari della ricerca. E, allo stesso tempo, delle strategie ben calibrate sull’equilibrio tra le dinamiche interne della manifestazione e la volontà di apertura alla città, anch’essa una costante che nella seconda edizione si rafforza con l’apertura al pubblico di una mostra.
 

CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione).
Possiamo usare solamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando tutti i cookie ci aiuterai ad offrirti una migliore navigazione sul sito. Leggi la nostra Cookie Policy